Iscriviti

Mahindra XUV500, il nuovo suv indiano low cost per gli amanti dell’off-road

Mahindra, il produttore indiano di suv economici col vezzo dei veicoli elettrici e della Formula E, è tornato a farsi vivo con un nuovo sport vehicle low cost, il Mahindra XUV500, con diversi elementi di merito, e qualche dettaglio da perfezionare.

Auto
Pubblicato il 2 ottobre 2018, alle ore 10:56

Mi piace
7
0
Mahindra XUV500, il nuovo suv indiano low cost per gli amanti dell’off-road

A molti non dirà nulla, ma il marchio indiano Mahindra ha una notevole esperienza, praticamente settantennale, nel ramo dei fuoristrada economici (es. il Mahindra KUV100). Col tempo, si è data all’innovazione, allestendo veicoli elettrici accessibili (Mahindra e2o) e vere e proprie supercar dallo stile italiano (Automobili Pininfarina), senza trascurare i contesti decisamente sportivi (dal 2014 è in Formula E con un proprio team di racing). L’ultima creazione del team di Bombay è il suv Mahindra XUV500 che, nelle prime versioni a km zero già circolanti, costa persino meno di una Dacia Duster 1.5 dCi 4×2 Comfort fresca di concessionario.

Il Mahindra XUV500 conserva la sua natura di suv attraverso la capacità di procedere anche sui terreni più impervi, grazie alle sospensioni morbide, al controllo della velocità in discesa ed al sistema anti-arretramento in salita, senza contare i controlli per la trazione (anteriore, affidata alle ruote dell’avantreno tramite il cambio manuale a 6 rapporti) e la stabilità (ancorché, nelle curve prese a giri molto alti, rolli un pochino). La seduta del guidatore è molto alta, per avere una migliore visuale sul traffico (scontando, però, comandi lasciati leggermente più in basso del dovuto), ed il volante risponde rapido alle precise direttive del conducente. 

All’interno del telaio, che comprende esternamente i cerchi in lega di serie, lo spazio dell’abitacolo è sufficiente per ben 7 persone, a scapito – tuttavia – del vano di carico: in ogni caso, abbassando tutti i posti successivi alla prima fila, in modalità 2 posti quindi, si ottiene un volume bagagli di 1.512 litri.

Le comodità non mancano, vista la presenza di un climatizzatore sia automatico che bizona, migliorabile nella dimensione delle bocchette d’aerazione, e l’integrazione di un’autoradio Bluetooth CD MP3 USB: la sicurezza è affidata sia alla presenza degli airbag frontali che agli attacchi Isofix mentre, in fase di percorrenza, un valido supporto è fornito da alcune tecnologie di guida assistita (ADAS) quali il sensore di pioggia e di luci, il fendinebbia, ed il cruise control. Negati nel parcheggio? No problem: optando per l’allestimento W6, quello base, si ottengono – sul retro – anche i sensori di parcheggio.

La parte motoristica del Mahindra XUV500 è gestita da un propulsore soddisfacente già a 2.000 giri, un 2.2 turbodiesel, capace di una potenza da 140 cavalli vapore (o 330 Netwon metri), il quale scatta da 0 a 100 km/h in 12.5 secondi, pur rimanendo sempre efficiente nei consumi (14,3 km/l). Per i prezzi, l’ultimo sport vehicle Mahindra XUV500, in versione base (denominata “FWD W6“) costa – nonostante la certificazione Euro 6 – 19.854 euro che, come accennato, possono scendere (di circa 3.000 euro) ricorrendo ai primi esemplari a km in circolazione (16.500 euro).

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Perbacco: un simil suv, ancorchè non 4x4, a meno di 20 mila euro è notevole. I consumi e le prestazioni sono buone, anche se delle piccole migliorie quà e là ci stanno tutte: d'altronde, è pur vero che con un veicolo del genere non corri certo in un circuito di Formula 1. Le tecnologie di guida assistita ci sono, ma un autoradio di quel genere è un po' vintage con i tempi che corrono: tutti compromessi che, in fondo, si possono accettare visto l'eccezionale rapporto tra qualità-prezzo del Mahindra XUV500.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!