Iscriviti

Il brand Lancia dà l’addio al mercato tedesco

Dalla fine di aprile nei listini del primo mercato automobilistico del Vecchio Continente è scomparso un marchio storico e glorioso che risponde al nome di Lancia.

Auto
Pubblicato il 6 maggio 2017, alle ore 00:01

Mi piace
20
0
Il brand Lancia dà l’addio al mercato tedesco
Pubblicità

Alla fine è successo. Sergio Marchionne andava ripetendo già da diverso tempo che Lancia si sarebbe concentrata su una sola vettura, la Ypsilon. E così è stato.

Non sorprende quindi che oggi l’unico modello offerto dalla storica casa italiana sia l’erede della famosissima Y10, auto che venne lanciata nella metà degli anni ’80 grazie allo storico slogan “piace alla gente che piace”.

Ma evidentemente l’attuale erede della piccola utilitaria lanciata nel 1985 dall’Autobianchi non piace proprio a tutti. Se in Italia la Ypsilon è di fatto la seconda auto più venduta sul mercato, al di fuori dei confini nazionali non gode certo delle stesse considerazioni.

È questo il caso della Germania, dove le vendite del brand Lancia si contano sul palmo della mano. A tal fine è sufficiente ricordare che la KBA – l’autorità federale tedesca dei trasporti – già alla fine del 2015 aveva escluso il brand italiano dalla comunicazione dei volumi di vendita mensile. Del resto a dicembre 2015 Lancia aveva immatricolato in Germania solo 3 vetture; in tutto il 2015 le auto vendute erano state invece 648.

Decisamente poco per un marchio che nella sua storia può fregiarsi di aver lanciato modelli di grande successo come l’Aprilia, l’Aurelia, la Appia, la Flavia, la Fulvia, la Stratos, la Beta Montecarlo, la Thema e non da ultimo la Delta.

Pur essendo stata eliminata dal mercato tedesco delle auto nuove, Lancia continuerà comunque a garantire la dovuta assistenza ai fedelissimi automobilisti che continueranno a guidare le auto dello storico marchio torinese. Resta ad ogni modo l’amarezza per lo sconfortante declino di un marchio carico di fascino e prestigio.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Lancia è un marchio simbolo dell’industria automobilistica italiana, e vederla in queste condizioni fa veramente male. A quanto pare alla dirigenza FCA il brand non riscuote più le dovute considerazioni, ed è per questo che è stato messo in castigo dietro alla lavagna. A questo punto finché c’è, non rimane che cullarci l’attuale Ypsilon: il futuro non prospetta certo niente di buono.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!