Iscriviti
Torino

Scoprire Frida Kahlo e Macondo grazie alle fotografie di Leo Matiz

Una mostra che, attraverso una settantina di fotografie, vuole celebrare due grandi figure dell'arte e della letteratura. Stiamo parlando di Frida Kahlo e di Gabriel Garcìa Marquez, Messico e Macondo che si fondono insieme.

Arte
Pubblicato il 23 aprile 2018, alle ore 23:18

Mi piace
14
0
Scoprire Frida Kahlo e Macondo grazie alle fotografie di Leo Matiz

La Pinacoteca Albertina di Torino accoglie gli appassionati alla scoperta delle fotografie scattate da Leo Matiz sulla pittrice messicana Frida Kahlo e il paese immaginario di Macondo, reso celebre dai libri di Marquez.

Gli appassionati di Frida Kahlo e coloro che avrebbero voluto, come la sottoscritta, vivere a Macondo, saranno felici di sapere che a Torino è possibile ammirare 70 fotografie riguardo queste due grandi figure dell’arte e della letteratura nella cornice dell’Accademia Albertina. Frida Kahlo e Gabriel Garcìa Marquez hanno dato lustro al Sud America con il loro modo di fare arte, di vivere l’arte e di donarla agli altri.

La mostra di fotografie scattata da Leo Matiz parte da Frida Kahlo e il visitatore potrà ammirare l’artista messicana in alcuni scatti riguardanti la sua vita, la sua casa in Messico con la seguente scritta “Diego y Frida vivieron en esta casa”, ovvero “Frida e Diego hanno vissuto in questa casa”. Alcune fotografie ritraggono la pittrice intenta a dipingere oppure nel suo studio con gli attrezzi del mestiere, ovvero i pennelli a cui ha dato vita a grandi capolavori su tela.

Le fotografie di Macondo, luogo reso celebre dal libro di Marquez, ovvero Cent’anni di solitudine, mostrano immagini di questo paese immaginario, dei bambini che giocano o di altri a dorso di un mulo o ancora mostrano lavoratori alle prese con le reti da pesca o ancora con le banane. Infine, una immagine molto commovente mostra l’abbraccio tra Marquez e lo stesso Matiz.

Oltre alle fotografie, rigorosamente in bianco e nero, la mostra si chiude con un video in cui Matiz racconta la sua vita, il suo percorso. La storia di un fotografo  nato ad Arataca, la stessa città colombiana che ha dato i natali a Marquez. Un modo per conoscere ancora meglio da vicino la sua storia e ciò che ha dato al mondo dell’arte.

Per chi volesse visitare la mostra, sappiate che è possibile farlo tutti i giorni dalle 10 alle 18, tranne il mercoledì giorno di chiusura con ingresso a 7 Euro per il biglietto intero, mentre il ridotto costa 5 Euro. E’ possibile visitare la mostra fino al 3 giugno e ammirare questi scatti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Una mostra davvero ben organizzata che commuove e che intenerisce. Un'occasione per conoscere ancora meglio questi due grandi artisti dell'arte messicana e della letteratura colombiana. Se amate l'arte, la fotografia, sicuramente è un'occasione da non perdere per rivivere quei momenti e quegli attimi unici della vita di questi straordinari talenti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!