Iscriviti

Ciò che mangiamo ha un impatto ambientale: scegliere consumi sostenibili

Le industrie alimentari hanno un grande impatto sull'ambiente circostante, che si calcola usando diversi indicatori. Esistono molte forme di consumi sostenibili a basso impatto ambientale.

Ambiente
Pubblicato il 27 giugno 2019, alle ore 00:42

Mi piace
8
0
Ciò che mangiamo ha un impatto ambientale: scegliere consumi sostenibili

Ciò che mangiamo ha un effetto sia sulla nostra salute che sull’ambiente circostante. L’industria alimentare incide sull’ecosistema e questo impatto viene calcolato attraverso vari parametri. L’analisi del “ciclo di vita” detto LCA è la tecnica che desta maggiore interesse perchè calcola l’impatto ambientale su tutte le fasi della filiera industriale. Nelle filiere alimentari i dati più significativi corrispondono alle emissioni di gas serra, l’utilizzo di acqua, la superficie utilizzata.

È stata studiata, di conseguenza, una piramide ambientale che, affiancata a quella della dieta mediterranea, dimostra che gli alimenti a minor impatto ambientale sono quelli maggiormente consigliati; al contrario, i prodotti a maggior impatto ambientale sono quelli da evitare nella dieta. È stato coniato il termine doppia-piramide” per indicare le due piramidi affiancate, strumento utile per la creazione di una dieta sostenibile e sana.

I sistemi produttivi sostenibili utilizzano un’agricoltura biologica, la quale ha un basso impatto ambientale. L’IFOAM (Federazione Internazionale dei Movimenti per l’Agricoltura biologica) deficisce l’agricoltura biologica come “tutti i sistemi agricoli che promuovono la produzione di alimenti e fibre in modo sano socialmente, economicamente e dal punto di vista ambientale“.

Gli alimenti equosolidali, invece, hanno come obbiettivo la lotta allo sfruttamento e alla povertà nei Paesi in via di sviluppo utilizzando materie prime rinnovabili. I prodotti vengono principalmente da America Latina, Asia e Africa. I principali in commercio sono caffè, cacao, tè, spezie, zucchero di canna e banane. I primi alimenti ad entrare nel commercio equosolodale sono caffè e cacao.

Per salvaguardare l’ecosistema è nata, inoltre, l’associazione internazionale no profit chiamata Slow Food e fondata da Carlo Petrini, la quale difende la biodiversità e si batte contro l’agricoltura e l’allevamento intensivo. Promuove gli alimenti a km 0, cioè acquistati in un luogo poco distante dal punto in cui verranno consumati, riducendo così l’impatto ambientale di CO2 dovuto al trasporto. Uno dei motti dell’associazione è “think globaly, act localy“, per promuovere l’acquisto di alimenti locali.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Venditti

Chiara Venditti - Tutte le nostre azioni incidono sull'ecosistema. Non solo le industrie metallurgiche ma anche quelle alimentari incidono sull'ambiente circostante, a causa dell'uso di sostanze chimiche che entrano nel terreno o anche a causa di emissioni di CO2 derivate dal trasporto dei prodotti. Scegliere un'alimentazione sostenibile è un piccolo gesto per aiutare il nostro fragile ecosistema.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!