Iscriviti

Obama è leader il più seguito su Twitter davanti al Papa

Secondo il rapporto di Twiplomacy il presidente degli Stati Uniti ha il maggior numero di follower su Twitter mentre il Pontefice è il più “ritwittato” dagli utenti

Internet e Social
Pubblicato il 29 luglio 2013, alle ore 15:52

Mi piace
0
0
Obama è leader il più seguito su Twitter davanti al Papa
Pubblicità

Barack Obama non è solo il presidente della prima economia mondiale, ma è anche il numero uno indiscusso su Twitter, con 34 milioni e mezzo di follower. Questo afferma il rapporto annuale di Twiplomacy, diffuso dall’agenzia di comunicazione Burson-Marsteller, che analizza 505 account governativi in 153 Paesi del mondo e mostra in quale misura leader politici e esponenti di governo usino Twitter per comunicare.

Non a caso, infatti, molti mass media statunitensi hanno associato la vittoria delle ultime elezioni di Barack Obama ad un efficace utilizzo dei social network più diffusi, primi tra tutti Facebook, Twitter ed Instagram, anche se probabilmente sarebbe pericolosamente riduttivo parlare dell’argomento come unica ragione legata al suo successo.

Il dato sorprendente è che nonostante circa un terzo di tutti i leader e i governi mondiali lo seguano, Barack Obama si può permettere di non fare altrettanto. Gli unici leader seguiti dal presidente degli Stati Uniti sono il norvegese Jens Stoltenberg e il russo Dimitry Medvedev.

Al secondo posto della classifica si piazza Papa Francesco, che con la sua capacità comunicativa ha sconvolto il mondo dei media. La presenza papale su Twitter è stata inaugurata dal suo predecessore Benedetto XVI, ma da quando Papa Francesco si è insediato, il suo profilo ha fatto registrare un clamoroso balzo, facendolo diventare il secondo leader mondiale più seguito con oltre sette milioni di follower. Nonostante non interagisca con altri utenti, i tweet papali, soprattutto quelli in spagnolo, sono “ritwittati” in media oltre 11 mila volte, facendo di lui il più influente leader mondiale presente su Twitter.

Jeremy Galbraith, amministratore delegato di Burson-Marsteller per l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa, ha commentato lo studio affermando che “Mostra come Twitter e i social media in generale siano diventati parte integrante di ogni rete di comunicazioni governative”.

Al terzo posto in classifica c’è l’account della Casa Bianca con circa 4 milioni di follower, seguito dal presidente e dal premier turco Abdullah Gul e Tayyip Erdogan con oltre 3 milioni di contatti. Tra i 50 più seguiti ci sono pochi i leader europei, tra cui il premier britannico David Cameron, e nessun italiano. Il presidente del Consiglio Enrico Letta, tra i più attivi in Italia, ha 156mila follower.

Altre notizie interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!