Iscriviti

Foto dei figli sui social? Attenzione: i pedofili se ne impossessano

Il Garante della Privacy ha reso pubblici in Parlamento dei dati preoccupanti riguardo la pedopornografia sul web, che sembrerebbe addirittura raddoppiata - come materiali diffusi - rispetto all'anno precedente. Complici involontari del fenomeno sarebbero proprio i genitori.

Internet e Social
Pubblicato il 6 giugno 2017, alle ore 19:32

Mi piace
6
0
Foto dei figli sui social? Attenzione: i pedofili se ne impossessano
Pubblicità

Il Garante delle privacy, Antonello Soro, ha reso pubblico in Parlamento un triste resoconto sulla privacy. Pare che la pedopornografia in rete sia in esponenziale aumento nel cosiddetto “dark web”. Nel corso del 2016, le immagini censite parlano chiaro: il fenomeno riguardante la rete pedopornografica sarebbe infatti quasi raddoppiato rispetto all’anno precedente. Si parla, infatti, di circa 2 milioni di foto.

Ma come si spiegano questi dati fuori controllo? Soro afferma che i complici involontari sarebbero principalmente i padri e le madri dei minori che, senza pensarci due volte, pubblicano sui social le foto dei figli. Dalla piscina, al corso di danza, alla vacanza al mare: queste situazioni sono le predilette dai pedofili, in quanto l’ignara vittima sarebbe abbastanza svestita da destare il loro interesse.

L’attività di condividere le immagini dei figli sui social media è alquanto diffusa, ma così facendo si abusa della privacy di una persona che non può opporsi, e la foto può facilmente entrare in possesso di sconosciuti. 

Nonostante in questo modo sia comunque difficile che il pedofilo possa arrivare ad un vero e proprio contatto diretto col minore, non è da escludere che – in base a degli indizi ricavati dalle foto – il malintenzionato possa effettivamente rintracciare la sua vittima. In ogni caso, non fa certo piacere che qualcuno entri in possesso dell’immagine di un bambino per scopi non chiari.

È indubbiamente doveroso che le persone prendano maggior coscienza riguardo i pericoli del web, e facciano più attenzione a quello che pubblicano, soprattutto se di mezzo c’è un minore.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Linda Bagnati - Il fatto che le foto di bambini pubblicate sul web possano entrare a far parte della rete pedopornografica non è una novità, ma i numeri in aumento mostrano sicuramente un fenomeno in crescita. È inutile dire chi i genitori dovrebbero fare più attenzione, o perlomeno selezionare certe foto. Anche perché, diciamocelo una volta per tutte, del figlio di 3 anni che fa un castello di sabbia in spiaggia non gliene frega niente a nessuno.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!