Iscriviti

Cosa c’è dietro il chip sottocutaneo obbligatorio entro 2 anni

L'Italia è in piena foga da Agenda Digitale. Tra 4G che viene raddoppiato, accesso unico digitale, ricetta dematerializzata valida in tutt'Italia... poteva mancare l'idea di un chip sottocutaneo obbligatorio per tutti gli italiani?

Internet e Social
Pubblicato il 30 gennaio 2016, alle ore 00:21

Mi piace
4
0
Cosa c’è dietro il chip sottocutaneo obbligatorio entro 2 anni
Pubblicità

In queste ore sta campeggiando in internet un avviso alquanto allarmante secondo il quale sarebbe stato approvato un disegno di legge, anche in Italia, in base al quale – entro i prossimi 2 anni – tutti gli italiani si dovranno impiantare un chip sottocutaneo.

Pena per i trasgressori? Multe e condanne detentive. Scopriamo cosa c’è dietro.

Il messaggio che sta circolando sui social ed è stato riportato da diversi siti online riferisce che sarebbe stato approvato, dal consiglio dei ministri su proposta del Premier Matteo Renzi, un disegno di legge di stampo “americano” in base al quale, nel 2016, a tutti i neonati – in strutture pubbliche o private – saranno impiantati dei microchip sottocutanei. Entro un anno dal 2017, poi, tutta la popolazione dovrà essere in regola e, quindi, nel prossimo anno dovremmo tutti sottoporci ad una sorta di “vaccinazione di massa”. I trasgressori, infatti, sarebbero puniti – se trovati sprovvisti di tale chip – con multe (3.000 euro) e con pene detentive (sino a 6 mesi di carcere).

Il chip sarebbe simile a quello, RFID, impiantato negli animali e servirebbe per identificare le persone in caso di reato ma anche come tessera sanitaria virtuale (con tanto di anagrafica, dati sanitari e delle proprie patologie). Non solo, nell’avviso di cui sopra, si farebbe anche riferimento al fatto che tale chip potrebbe servire, per chiamate d’emergenza, da parte delle persone sole che dovessero sentirsi male. Che teneri eh?

Quando ho notato tale notizia…panico. Oddio. Siamo alle soglie del Grande Fratello. Cercando in giro, mi sono imbattuto in una prima fonte, “Il Messaggio”, con la favicon de “Il Messaggero”, e notizie strambe del tipo “Papa: sì ai matrimoni gay in Chiesa”, “Frate che studia gli alieni”: il tutto ammantato di un’aria semiseria. Cercando oltre, ho trovato un altro sito curioso, “il Giomale.it”, che riportava la medesima notizia: anzi, era da qui che il tutto era partito già durante l’estate scorsa quando, evidentemente, doveva esservi stata una gran penuria di accadimenti interessanti.

Leggendo il disclaimer del sito, il sospetto è divenuto realtà. Si trattava di una bufala, ben evidenziata dagli stessi autore del sito in questione, i quali hanno rivelato che il loro è un “magazine satirico e che alcuni articoli contenuti in esso potrebbero non corrispondere alla veridicità dei fatti”.

Fiuuu. Sospiro di sollievo. La notizia circolante in rete, e su diversi social, secondo cui a tutti verrebbe impiantato un chip sottocutaneo entro il 2017… è solo una bufala!

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - Caspita. Quando ho notato quest'avviso, un po' di strizza m'era presa. Sta a vedere che Renzi, con tutta la fregola che s'è fatto venire di digitalizzare l'Italia, si mette a digitalizzare pure gli italiani in puro stile Matrix. Insomma, i presupposti di veridicità c'erano. Poi cerchi una fonte e trovi "Il Messaggio" con un frame del Messaggero ed il relativo favicon. Da qui il link a un sito che, nella grafica, era uguale al Giornale.it. A parte una lettera. Da una persona distratta, stanca ed anche un po' credulona (ma in buona fede) la notizia poteva venir creduta facilmente. Per fortuna, mi son chiesto come mai il sito de "Il Messaggero" si fosse incasinato con dei frame così pacchiani anni '90. Poi, il Giomale.it... onestamente era un colpo da maestro. Veramente, se andavi di fretta, potevi non farci affatto caso. Non fosse che siti satirici del genere fan circolare bufale ed ingolfano inutilmente social e mail, direi che si tratta di iniziative geniali. Anzi, geniali è dir poco!

Lascia un tuo commento
Commenti
Marilena Carraro

24 luglio 2016 - 09:29:15

bufala... che perdo tempo a leggere. e temo che prima o poi accadrà. L'uomo è così strano e imprevedibile!

0
Rispondi
Fabrizio Ferrara

24 luglio 2016 - 10:13:18

Non è mai tempo perso quello che si impiega a leggere le bufale: si impara a riconoscerle!

0
Pamela Belli

18 marzo 2016 - 08:38:52

Fa scattare la preoccupazione, allarmante ma anche particolare come idea

0
Rispondi
Evelin Felice

01 febbraio 2016 - 08:34:07

Con tutte queste bufale si creano inutili allarmismi...

0
Rispondi
Fabrizio Ferrara

24 luglio 2016 - 10:13:40

E già, di questo, non vi è bisogno!

0