Iscriviti

In Messico vorrebbero installare questi dossi. Ecco cosa accade quando arriva un’auto

Sono in fase di sperimentazione nuovi dispositivi che permettano di limitare la velocità dei veicoli ed aumentare la sicurezza stradale. Ecco come funzioneranno questi dossi innovativi. GUARDA IL VIDEO SOTTO

Video Motori
Pubblicato il 12 giugno 2017, alle ore 09:29

Mi piace
0
0
In Messico vorrebbero installare questi dossi. Ecco cosa accade quando arriva un’auto
Pubblicità

Quando ci si mette in strada bisogna sempre considerare che il pericolo è dietro l’angolo e che non bisogna solo fare attenzione alla propria guida ma anche alla scorrettezza di altri automobilisti che non rispettano le regole del codice della Strada.

Fra le infrazioni più comuni vi è senza alcun dubbio quella riguardante i limiti di velocità che nonostante molte persone sottovalutino è una delle principali cause di incidenti stradali ogni anno.

Per far fronte a questo fenomeno e contenere il numero di infrazioni sono numerosi i provvedimenti che vengono presi direttamente sul fronte stradale sia attraverso l’installazione di autovelox di varia tecnologia e natura che attraverso dei dispositivi atti a rallentare forzatamente la velocità del veicolo.

Che si tratti di bande rumorose o di veri e propri dossi questi inducono tutti i conducenti di veicoli, anche quelli che rispettano i limiti e tutto il codice stradale, a dover sopportare le sollecitazioni indotte da questi dispositivi di sicurezza stradale.

L’idea degli ingegneri del Messico è dunque quella di selezionare le auto che devono passare su un dosso: in che modo? Il dispositivo viene automatizzato in modo da alzarsi ed abbassarsi in base alla velocità dell’auto che sta sopraggiungendo.

In questo video viene mostrata questa idea ed il funzionamento di questo dispositivo che dovrebbe permettere una maggiore sicurezza sulle strade.

Altrettanto interessante sarà vedere un nuovo sistema di frenata davvero molto efficace che presto potrebbe essere montato sulle vetture moderne. Si tratta di un sistema che sfrutta sempre l’attrito come mezzo frenante ma in modo decisamente più incisivo.

Ancora una volta la dimostrazione di quanto la tecnologia faccia sempre passi da gigante e riesca sempre a trovare delle soluzioni per migliorare la nostra sicurezza.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!