Iscriviti
scrivi

Prevenzione e ricerca: diminuiscono i morti per tumore

Non esiste ‘il’ tumore, ma esistono ‘i’ tumori, ogni persona malata va curata come unica. Sono aumentati i tumori, ma sono diminuite le morti causate da essi.

Salute
Pubblicato il 25 marzo 2017, alle ore 13:40

Mi piace
12
Preferiti
0
Prevenzione e ricerca: diminuiscono i morti per tumore
Pubblicità

E’ prima volta che in Italia si registra una diminuzione dei decessi causati da un tumore. Rileggendo i dati ISTAT del 2013 l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) ha rilevato che sono aumentate le nuove diagnosi di tumore, ma è diminuito il numero di decessi.

La popolazione italiana accoglie sempre più volentieri i programmi di screening, questo atteggiamento disponibile ha senz’altro ridotto i decessi, in particolare quelli dovuti al tumore del seno. Allo stesso tempo la ricerca oncologica si è perfezionata sulla caratterizzazione dei vari profili genetici dei diversi tipi tumore in modo da impostare terapie mirate più efficaci.

Carmine Pinto, presidente della AIOM si è così espresso: “in un paese in cui tante cose vanno male nell’oncologia ci sono segnali positivi perché per la prima volta in tutto il mondo si sta riducendo l’incidenza dei tumori e in Italia si è ridotta anche la mortalità.  Il nostro paese, inoltre, ha il più alto tasso di sopravvivenza in Europa anche se purtroppo a macchia di leopardo”.

Pinto continua dicendo che oggi si sa che non esiste ‘il’ tumore ma esistono ‘i’ tumori e che non per tutte le persone la malattia si sviluppa e progredisce allo stesso modo. Una terapia di precisione per ogni paziente è possibile solo dopo una diagnosi accurata insieme ad una definizione del profilo molecolare della malattia, che si chiarisce eseguendo sul paziente dei test specifici.

L’oncologia di precisione ha proprio questo modo di prodere: cerca l’appropriatezza di una terapia verificando se è adeguata per “quel” paziente. Questo tipo di procedura permette di risparmiare notevolmente perché evita trattamenti inutili con tutte le conseguenti tossicità che i pazienti avrebbero riscontrato.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - A me capita ogni tanto di ricevere a casa inviti per gli screening e se non ho appena fatto i test proposti ne approfitto per vedere lo stato di salute. Mi sembra una cosa buona, anche per il fatto che è aperta a tutti. Anche la ricerca mi pare stia facendo passi da gigante!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!