Iscriviti

Primarie PD: buona affluenza, vince un Renzi "bulgaro" col 70%

Nell'ultima domenica di Aprile, si sono tenute le primarie con cui il Partito Democratico ha scelto il suo nuovo segretario: buona l'affluenza dei votanti (scongiurato il flop), con Matteo Renzi che ha raccolto percentuali bulgare di consenso.

Politica
Pubblicato il 1 maggio 2017, alle ore 18:01

Mi piace
10
0
Primarie PD: buona affluenza, vince un Renzi "bulgaro" col 70%
Pubblicità

Dopo le polemiche delle ultime ore, relative a pacchetti di schede già votate, infiltrazioni palesi, prossime alleanze elettorali, i 3 sfidanti per la segreteria PD, Matteo Renzi, Andrea Orlando, e Michele Emiliano, si sono affrontati – nell’ultima domenica di Aprile – nelle primarie del Partito Democratico. Ecco come si sono concluse.

Domenica 30 Aprile, dalle prime ore del mattino alle 20 (ed oltre) di sera, si è votato – ieri, in Italia – per le primarie del PD che avevano lo scopo di selezionare il prossimo segretario democratico, successore del dimissionario Matteo Renzi. Secondo quanto emerso verso le 12 del 1° Maggio, e come confermato dagli organi istituzionali del PD, la consultazione ha avuto un ottimo riscontro di pubblico, con la partecipazione di 1 milione 848 mila votanti: meno delle precedenti (2013) consultazioni interne (2,8 milioni di votanti), ma ben al di sopra della quota flop che si temeva, complice anche il ponte del 1° Maggio.

Ad aver stravinto, come da previsioni, è stato il segretario uscente, il fiorentino Matteo Renzi, con una quota di circa il 70.01%. Alle sue spalle si è collocato il ministro della giustizia, Andrea Orlando, con poco meno del 20% (19.50%), mentre il governatore della Puglia, Michele Emiliano, nonostante l’appello alla sinistra del partito, ed ai fuori usciti di Articolo 1/MPD, non è andato oltre il 10% (10.49%).

A risultati acquisiti, Orlando ha fatto le sue congratulazioni a Renzi, mettendosi a disposizione per battere le destre già dalle prossime amministrative, mentre Emiliano ha confermato che, anche questa volta, non uscirà dal partito, volendo combattere dall’interno, e non fidandosi delle prime dichiarazioni di Renzi.

Quest’ultimo, a caldo, ha spiegato che non inizia un secondo tempo ma una vera e propria nuova partita, e che non nascerà un partito personale, dacché le parole del nuovo corso saranno “umiltà e responsabilità”, anche nella composizione di una segreteria “plurale”.

Nel frattempo, a chi paventava sul web una prossima caduta del governo Gentiloni (#Paolostaisereno), Renzi ha replicato spiegando che lavorerà a fianco del governo, dal quale si aspetta molto, specie su materie come Alitalia e legge elettorale, argomento – quest’ultimo – sul quale, in Commissione, memore anche l’appello di Mattarella, si cercherà il dialogo con i pentastellati sulla base di un Italicum corretto con un premio di governabilità meno forte, con soglie di sbarramento meno severe, senza i capilista bloccati. 

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - Le primarie del PD si sono concluse come già si sapeva, con la vittoria di Renzi che, però, è stata più netta di quanto si immaginasse. A questo punto, iniziano i prossimi 3 mesi di fuoco per il governo Gentiloni, che sarà chiamato a dare lo spint su materie cruciali per l'economia e la stabilità nazionale, in attesa delle prossime consultazioni politiche che, da ieri, sono più vicine che mai (forse già ad inizio autunno).

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Alessi

09 maggio 2017 - 08:16:30

Comunque sono dati da prendere con le molle poiché la cronaca parla ad Agrigento di persone che hanno votato doppie o di sedi PD dove i voti sono molto più alti degli iscritti. È non si possono paragonare ad una votazione vera dove lo stato controlla l'onestà delle votazioni.

0
Rispondi