Iscriviti

I parlamentari italiani sono i più pagati d’Europa?

L’inchiesta di Euronews, in collaborazione con Chris Harris, ha mostrato le differenze tra gli stipendi di onorevoli e senatori dei parlamenti europei. Ecco chi è in vetta come il più pagato.

Politica
Pubblicato il 20 giugno 2017, alle ore 21:48

Mi piace
15
0
I parlamentari italiani sono i più pagati d’Europa?
Pubblicità

Nessuna sorpresa, i parlamentari italiani si trovano in vetta alla classifica dei salari medio nazionali, risultando addirittura percepire cinque volte tanto la media. Dopo due legislature in cui si è cercato di tagliare gli stipendi a deputati e senatori italiani, la situazione risulta ancora invariata. Nonostante in molti si siano dichiarati favorevoli alla così detta “sforbiciata”, dalla commissione incaricata dal premier Mario Monti nel 2012, non si è ancora concluso nulla di concreto.

Marco Palombi, giornalista del Fatto, ha dichiarato a suo tempo a euronews che “se il costo totale di un parlamentare italiano è più o meno simile a quello degli altri grandi Paesi europei a fare la differenza è la parte dei rimborsi che in Italia non devono essere rendicontati e che sono introiti esentasse”. Alludendo al fatto che questi stessi rimborsi, se non usati direttamente dal parlamentare, verrebbero a costituire un vero e proprio secondo stipendio.

Parlando di cifre, la busta paga di un parlamentare italiano che considera lo stipendio base sommato alle spese telefoniche e all’esercizio di mandato, ammonta di oltre 160 mila euro annui. Di conseguenza, la busta paga dei senatori sale fino a raggiungere e superare i 172 mila euro all’anno. Non sorprende quindi leggere nel sito del Senato che ” in tutti gli ordinamenti ispirati alla concezione democratica dello Stato è garantito ai parlamentari un trattamento economico adeguato ad assicurarne l’indipendenza“.

In Italia questo “problema” rimane senza soluzione. Basti pensare che qualche anno fa, alla proposta di ridurre il costo dei parlamentari da parte del deputato di Scelta Civica, Stefano d’Ambruoso, si è visto ricevere una risposta pubblica negativa che si giustificava dicendo che, per selezionare un personale politico di qualità, fosse necessario essere consapevoli del fatto che “anche il talento ha un prezzo”.

Nonostante qualche voce fuori dal coro, ad esempio il Movimento 5 Stelle, che pone, senza successo, come uno dei propri obiettivi il taglio degli stipendi parlamentari, la grande maggioranza continua a rimanere ostile ad un abbassamento dei profitti. Come rimangono contrari anche a proposte alternative di retribuzione che potrebbero considerare aspetti quali la meritocrazia.

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Chiara Lorenzon - Niente di nuovo sul fronte europeo, anche se sarebbe più corretto dire, niente di nuovo sul suolo italiano. Ebbene non è una sorpresa che i nostri parlamentari ricevano più di quanto non abbiano mai dato nella loro vita politica, così come non è una sorpresa che non abbiano intenzione di staccarsi nemmeno da una sola singola moneta del loro "tesssoro".

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!