Iscriviti

Berlusconi e il suo mantra, 1000 euro al mese di pensione per tutti

La promessa elettorale per le amministrative 2017 promulgata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi: un déjà-vu collaudato al convegno sulla condizione femminile a Monza.

Politica
Pubblicato il 14 maggio 2017, alle ore 16:21

Mi piace
12
0
Berlusconi e il suo mantra, 1000 euro al mese di pensione per tutti
Pubblicità

Pensione minima di 1000 euro – non tassabili, 13 mensilità – per una vecchiaia dignitosa, il nuovo, antico, slogan di Silvio Berlusconi che come un vestito prêt-à-porter è buono in tutte le occasioni. È la promessa elettorale per le amministrative 2017 del leader di Forza Italia, lanciata durante un convegno sulla condizione femminile in corso a Monza.

Votiamo Berlusconi per avere pensioni più dignitose” caro slogan del 1994, quando scese in campo, salvandoci dal pericolo rosso imminente. Il Presidente operaio per cambiare l’Italia non demorde e cerca di conquistare qualche nostalgico o deficiente, nell’accezione etimologica del termine, deficere.

Berlusconi, riciclando annunci di venti anni fa, proclama solennemente che Forza Italia propone meno tasse – nessuna tassa sulla prima casa, nessuna imposta di successione e nessuna tassa sulla prima automobile –  meno Stato – no all’oppressione fiscale, no all’oppressione burocratica, no all’oppressione giudiziaria –  flax tax uguale per tutti, una seconda moneta nazionale, no bail in per le banche, no alle politiche di austerità.

Convinto che queste idee eterne possano ricondurre al voto gli elettori moderati – quella fascia misteriosa di tanto in tanto nominata – scappati a gambe levate dalle urne, astensionisti ad oltranza, probabilmente semplicemente indifferenti al mondo politico.

Berlusconi sentenzia che i sindaci di Forza Italia, nel rigoroso modello di amministrazione proposto, sono gli unici lavoratori indefessi nel proprio ruolo salvifico cittadino, riducendo il carico fiscale, le imposte comunali.

Oggi un suo post su Facebook ha cercato di scuotere la tenerezza mammona italiana, sciorinando l’elogio della madre: “Mamma è la prima parola che impariamo a dire. La mamma è colei che non ci abbandona mai, per tutta la vita, neppure quando la vita stessa ce la porta via. Perché così profondo è il suo amore per noi, così fondamentali i suoi insegnamenti e così dolci i suoi sorrisi, che ci accompagnano ogni giorno e in ogni passaggio della nostra esistenza, che sia buia o luminosa“.

Ma non è giusto ricordare le mamme, i loro sforzi, i loro sacrifici e la loro importanza soltanto un giorno all’anno. Per questo una volta che torneremo al governo, cominceremo proprio da una pensione alle nostre mamme per garantire una vecchiaia serena e dignitosa a tutte le mamme d’Italia. Concludendo E a te, mamma Rosa, grazie di tutto con i baci e l’abbraccio più forte. Ti porto con me, sempre. Tuo Silvio“.

Al grido di 1000 euro al mese di pensione per tutte le mamme d’Italia.

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Chiara Lanzini - Berlusconi ricicla se stesso da sempre, vien da domandarsi come sia possibile che alcuno possa credere, anche in minima parte, a questi proclami che compiono 23 anni. Tralasciando la poca credibilità morale, etica, l'impunità, del soggetto, risulta indecente il suo reiterare proclami impossibili, inattuabili, specchio delle allodole per chi non conosce, non vuol ricordare, non comprende.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!