Iscriviti

Il contadino vende tutto e lascia la cagnolina incinta

Abbandonata insieme alle cose inutilizzate dal contadino che ha venduto la proprietà, una cagnolina incinta è legata ad un palo e attende che qualcuno l'adotti.

Natura e Animali
Pubblicato il 9 aprile 2017, alle ore 10:22

Mi piace
12
0
Il contadino vende tutto e lascia la cagnolina incinta
Pubblicità

Ancora una storia di animali abbandonati, questa volta siamo a Frosinone e l’animale abbandonato è una cagnolina incinta.

Un contadino nei pressi di Frosinone ha venduto la sua proprietà, portando con sé il necessario o quanto ancora utile nella sua nuova abitazione. Chissà se legata alla vendita o semplicemente al suo solito palo, ma tra le cose lasciate abbandonate c’è una cagnolina incinta.

Ad accorgersi di lei è stato un volontario del posto, che per il momento se ne sta prendendo cura portando ogni giorno qualcosa da mangiare all’animale. La futura mamma, riferisce il volontario, è una cagnolina meticcia, somiglia molto a un lupo, Ma ciò che più colpisce di òiù il volontario sono gli occhi persi della cagnolina con la panciona ormai gonfia e forse pronta al parto, occhi che si guardano attorno in cerca delle cose e dei volti, fino a ieri, familiari, ma che non sono più. Intorno a lei solo ‘cose immobili’, seppur le guaisce, abbandonate, come lei.

La certezza del volontario è che la cagnolina non può e non deve restare lì, sola con il suo pancione sempre più grande dove intorno regna l’abbandono. Legata nel silenzio delle cose e degli affetti.

Da Frosinone arriva allora un appello disperato a nome di una futura mamma che ha bisogno urgente di un posto per poter partorire i suoi piccoli in serenità e sicurezza.

Se qualcuno volesse rendersi disponibile ad accogliere la cagnolina o avesse in mente una soluzione può chiamare il numero di cellulare 331 635 1803, risponderà Luca, come riporta ilquotidiano.net.

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - Non so ma mi vien da dire e non sarebbe meglio con il cominciare a slegarla? Forse una soluzione potrebbe trovare anche da sé. Che ne dite? O questi cani, seppur di campagna, sono talmente legati all'uomo da non riuscire a procurarsi il cibo? Forse è proprio così! Leghiamo i cani a noi, al nostro bisogno di sicurezza o di affetto, li ripaghiamo con cibo e quant'altro... e poi?

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara

11 aprile 2017 - 19:14:36

Che insensibile questo contadino.

0
Rispondi