Iscriviti

Cane cieco ricambia l’aiuto alla donna che lo ha adottato

Maltrattato da cucciolo, un cane cieco riesce a ritrovare la gioia di vivere grazie alle premure della nuova proprietaria che a sua volta supera, grazie al quadrupede, un momento difficile della sua vita.

Natura e Animali
Pubblicato il 8 luglio 2017, alle ore 12:08

Mi piace
14
0
Cane cieco ricambia l’aiuto alla donna che lo ha adottato
Pubblicità

Quand’era un ciucciolo, Kila, andava vagando per le strade di Tijuana in Messico, esposto al disprezzo di tutti, dai bambini agli ubriachi che ridendo, lo colpivano con piccoli sassi e pietre, e lui stava là, non reagiva, si lasciava colpire, era quello l’unico contatto che aveva con gli esseri umani: le risa su di lui.

A strappare dalla strada, Kila, un incrocio di Husky, è stata l’associazione “Forever Home Pet Rescue” che trovando il cucciolo di cane in condizioni disperate per gli abusi, l’ha portato al proprio canile, come raccontano: “Abbiamo portato Kila nel nostro rifugio e il cane è poi stato fortunatamente adottato in fretta da una signora“.

La nuova proprietaria di Kila, Alexis Magoo, riferisce, senza entrare nei particolari che la sua vita stava attraversando un periodo difficile, e ha pensato che adottando un cane sarebbe stata aiutata a superarlo: “Ho avuto dei problemi personali negli ultimi mesi. Ero sempre triste, turbata, in ansia. Ma Kila ha riempito la mia vita di gioia. Incontrarla è stato meraviglioso“.

Il cane adottato, una femmina, è cieco, e il primo impegno costante di Alexis è quello di aiutare la nuova amica a superare tutte le paure, non solo quelle dovute ai maltrattamenti, ma anche quelle ambientali, come ad esempio le scale. Kila “aveva paura a salire e scendere, e si nascondeva sempre all’inizio non sapevo cosa fare, poi le ho insegnato a salire le scale, e in un paio di mesi lei correva su e giù come se non avesse mai avuto paura” come racconta la nuova proprietaria.

Ora Kila ha due anni, non ha più alcuna paura, gioca e corre dappertutto e soprattutto ha dimenticato il suo passato: ama tutti.

Alexis sente di aver superato, grazie a Kila, la crisi che stava turbando la sua vita: “Ci sosteniamo a vicenda, siamo inseparabili. Non potrei più vivere senza di lei: è entrata nel mio cuore e voglio che faccia per sempre parte della mia vita“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - Spesso si leggono storie di uomini e donne che raccontano maltrattamenti subiti da piccoli, in casa, nei collegi, a scuola... pochi hanno l'idea di raccontare anche il bene ricevuto. Ecco sarebbe bello che nei giornali ci fosse uno spazio anche per l'uomo "sano", quello che, grazie all'aiuto del suo simile, ora vive una vita serena e felice. Sogni?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!