Iscriviti

BMW S 1000 R: nuova dinamica Roadster su base S 1000 RR

La nuova BMW S 1000 R si presenta con un design dalla forte carica emotiva che evoca l’affinità con la S 1000 RR. Motore quattro cilindri in linea raffreddato a liquido, potenza 160 CV e coppia massima 112 Nm

Moto
Pubblicato il 9 novembre 2013, alle ore 09:33

Mi piace
0
0
BMW S 1000 R: nuova dinamica Roadster su base S 1000 RR
Pubblicità

Derivata direttamente dalla supersportiva BMW S 1000 RR di cui sfrutta la tecnica innovativa, la nuova BMW S 1000 R con un propulsore da 160 CV, un peso di 207 kg ed equipaggiata con Race-ABS, ASC e due modalità di guida di serie, punta a definire i nuovi benchmark nel segmento Dynamic Roadster.

Motore quattro cilindri in linea e elettronica al top

Il quattro cilindri in linea da 999 cm³ della BMW S 1000 RR è stato ampiamente modificato per il suo utilizzo nella S 1000 R. Al fine di ottenere una configurazione ideale sia per la guida giornaliera sia per l’uso sportivo sulle strade extraurbane, sono stati sensibilmente incrementati l’andamento di coppia e di potenza nei regimi bassi e medi. Il numero di giri massimo è stato ridotto di circa 2.000 g/min. Il propulsore eroga 160 CV a 11.000 g/min e sviluppa una coppia massima di 112 Nm a 9.250 g/min.

Per soddisfare le esigenze del pilota ed adattarsi all’uso previsto, già nella dotazione di serie la BMW S 1000 R offre due modalità di guida e l’ASC (Automatic Stability Control). Grazie alle modalità di guida “Rain” e “Road”, nell’erogazione di potenza e di coppia la BMW S 1000 R si adatta alle condizioni del fondo stradale, supportata anche dagli interventi di regolazione del Race-ABS e dell’ASC. Questo offre un notevole aumento di sicurezza, soprattutto quando il fondo stradale è soggetto a cambiamenti frequenti.

Come optional viene offerto il Controllo dinamico della trazione DTC (Dynamic Traction Control) con due ulteriori modalità di guida, “Dynamic” e “Dynamic Pro”. Qualora desiderato, questo assicura lo sfruttamento ottimale del grande potenziale della S 1000 R anche in circuito.

Ciclistica e impianto frenante ad alte prestazioni

La ciclistica del quattro cilindri in linea promette di non deludere nessuno a livello di erogazione dinamica di potenza, nemmeno nella guida più impegnata. La base è costituita dal telaio a doppia trave in lega leggera della BMW S 1000 RR con il motore che funge da elemento portante. Analogamente alla “RR”, le sospensioni anteriore e posteriore sono realizzate rispettivamente come forcella Upside-Down regolabile e doppio braccio con ammortizzatore unico centrale regolabile. Le particolarità di guida di un modello Roadster sono state ovviamente prese in considerazione e hanno determinato una modifica della geometria della ciclistica. A una decelerazione energica, stabile e, soprattutto sicura, provvede, analogamente alla “RR”, un impianto frenante a doppio disco con due pinze fisse e quattro pistoni radiali sulla ruota anteriore e un freno monodisco posteriore, al quale è stato abbinato il Race-ABS semintegrale. Come optional viene offerto il DDC (Dynamic Damping Control) che assicura l’adattamento elettronico degli ammortizzatori in millesimi di secondo.

Strumentazione combinata multifunzione

La BMW S1000 R si è ispirata al mondo delle corse nel disegno del cockpit: uno schermo LC con contagiri analogico permette di avere una ampia varietà d’informazioni, dall’indicazione della marcia inserita alla visualizzazione della modalità di guida, fino alla registrazione dei lap-time.

Altre notizie interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!