Iscriviti

Galaxy S8: ecco come sarà secondo i migliori rumors asiatici (e non)

Nelle ultime settimane, le indiscrezioni sul prossimo top di gamma coreano, il Galaxy S8, sono giunte copiose, ed hanno svelato quasi ogni mistero sulle specifiche tecniche, aggiungendo qualche gustoso dettaglio su funzioni, e possibili volumi di vendita.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 17 marzo 2017, alle ore 11:30

Mi piace
17
0
Galaxy S8: ecco come sarà secondo i migliori rumors asiatici (e non)
Pubblicità

Manca davvero poco, ormai, per la presentazione del Galaxy S8 e, ormai, i rumors delle ultime ore si stanno concentrando per lo più sui dettagli, e sulle prospettive di vendita, del prossimo top di gamma Samsung. 

Secondo l’analista Ming-Chi Kuo, di solito concentrato (con ottimi precedenti) sul mondo Apple, il prossimo top di gamma Samsung, il Galaxy S8, potrebbe vendere meno del predecessore (40 e i 45 milioni in tutto il 2017 fiscale, a fronte dei 52 milioni di S7 nel primo anno di distribuzione) a causa principalmente dell’iPhone 8 (in particolar modo il modello con display OLED da 5.8 pollici fornito dalla medesima Samsung) che, pur presentato nel prossimo Settembre, agisce già da elemento catalizzatore: anche le vendite di alternative valide, viste al MWC 2017, potrebbero rallentarne le vendite, dacché l’S7 non ha avuto veri rivali. 

A parte le mere questioni economiche, secondo Kuo, il nuovo top di gamma Samsung sarà previsto in 2 varianti, con display SuperAmoled da 5.8 e 6.2 pollici, sia Dual Edge che in risoluzione WQHD+ (2.960×1.440 pixel): si tratta del famoso “Infinity Display” che, a fronte di lunette verticali ridottissime, e cornici laterali inesistenti, ingloberà anche il tasto Home all’interno di un’area sensibile al tocco, e dotata di tasti virtuali: Samsung Display, la sezione che si occupa di produrre i display Pressure Sensitive per gli iPhone (dal 6s) e per alcuni Huawei (es. i P9) potrebbe sfruttare l’esperienza maturata per rendere sensibile a vari livelli di pressione proprio il tasto Home posto sotto il vetro del display. 

La fotocamera anteriore dovrebbe essere da 8 megapixel, con autofocus, e quella posteriore da 12 megapixel, ma basata su un unico sensore, poiché i chip dual ISP coreani non sarebbero ancora perfetti (la divisione Samsung Exynos, però, ha smentito quest’affermazione, con un tweet infografico ad hoc): a parte la schermaglia singolo sensore-doppio sensore, la fotocamera posteriore, grazie ad una memoria DRAM, potrebbe riuscire a realizzare slow motion da 1000 fps (meglio di quanto fatto dalla Sony che, nel suo Xperia XZ Premium, col medesimo escamotage, non è andata oltre i 960 fps). 

Per la potenza di calcolo, il nuovo top di gamma si affiderà processori a 10 nanometri, lo Snapdragon 835 per USA e Giappone, e l’Exynos 8890 per Europa e Asia, con 4 GB di RAM e 64 GB di storage in tutto il mondo, tranne che in Cina e Corea, ove sbarcherà una variante con 6 GB di RAM e 128 GB di storage

In tema di sicurezza, le migliori rivelazioni provengono dal quotidiano coreano Korea Economic Daily (rilanciate da The Investor): il Galaxy S8 avrà lo scanner per le impronte sul retro, a fianco della fotocamera posteriore e del Flash LED, mentre sul davanti troveremo un altro sistema di autenticazione. Lo scanner dell’iride già visto sul Note 7?

Non solo: per ovviare all’ancora acerba tecnologia di questo sistema, non esente da falsi positivi e lunghi tempi di riconoscimento sullo sfortunato phablet sudcoreano, Samsung vi avrebbe integrato (secondo un anonimo dipendente dell’azienda) anche la scansione 3D del volto (tramite un sensore RGB da 3.7 megapixel), portando i tempi di sblocco del device a 0.1 secondi. In questo modo, secondo il portale Bloomberg, Samsung – all’interno dell’app Samsung Pay – potrebbe consentire l’utilizzo della scansione del volto anche per effettuare/autorizzare i pagamenti online. 

Il tutto dovrebbe essere incluso in uno chassis previsto in varie colorazioni. A tal proposito, Samsung India ha sondaggiato i propri clienti chiedendo una preferenza, per l’S8, tra le colorazioni Black, Silver, Amethyst (simile al Violet ipotizzato da Roland Quandt), mentre il tabloid inglese Express – basandosi sulle spifferate di TechDroider – propone le tonalità glossy black (un nero lucido), bianco, oro, argento, e blu. I materiali dovrebbero essere il vetro ed il metallo, e le linee generali molto pulite, nonostante l’aggiunta di un nuovo tasto fisico laterale, destinato ad attivare l’assistente virtuale Bixby: quest’ultimo, secondo una nota trapelata da Seoul, permetterà di controllare tutta l’interfaccia tramite i comandi vocali S Voice, e consentirà all’utente di avviare una playlist, effettuare una ricerca in internet, e molto altro, semplicemente con la propria voce.

Rimane confermata, per stessa ammissione della Samsung, la data dl 29 Marzo, per l’evento di presentazione “Unpacked 2017” da New York, mentre – per la messa in commercio – si parla del 21-29 Aprile successivo. 

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - Ormai, non vi sono più grandi misteri sul Galaxy S8, se non le vere tonalità per la sua scocca esteriore, le cose che sarà capace di fare l'assistente virtuale Bixby, le ottimizzazioni delle fotocamere in tema di sicurezza, ed il prezzo finale. Poca roba per alcuni, tanta roba per altri. In ogni caso, già da quel che emerge, direi che il Galaxy S8 si appresta ad essere un Signor smartphone!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!