Iscriviti

Precari e settore pubblico: anche ai docenti aumento di 85 euro

Incontro tra i sindacati e il ministro Madia. Fra gli argomenti c'è l'aumento di 85 euro per i lavoratori del pubblico. I sindacati vorrebbero far rientrare in questa fascia i docenti. Punto clou quindi l'abolizione dei precari ed un incremento salariale.

Lavoro
Pubblicato il 25 novembre 2016, alle ore 15:21

Mi piace
5
0
Precari e settore pubblico: anche ai docenti aumento di 85 euro
Pubblicità

Si attende a breve l’accordo tra i sindacati e la parte pubblica per il rinnovo del contratto. Un accordo che si attende dal 2009 e che potrebbe essere raggiunto prima della fine del mese in corso. Marianna Madia ha avuto un meeting ieri, 24 novembre, con i sindacati in merito a quest’annosa questione.

Il punto di accordo per ambo le parti è un aumento di 85 euro da erogare ai dipendenti del settore pubblico; all’interno del mesesimo potrebbero figurare anche i docenti.

L’aumento di 85 euro richiede un dispendio economico notevole poiché i sindcati vogliono includere all’interno degli aventi diritto anche i docenti. Le risorse per l’aumento sono state inserite tra i punti della Legge di Stabilità, ma il Mef (Ministero dell’economia e delle finanze) sembra rappresentare lo scoglio da superare poiché  risulta che siano stati lasciati molti margini di aumento.

I docenti, che i sindacati vorrebbero includere tra gli aventi diritto al suddetto aumento, rappesentano un carico di spesa notevole in aggiunta  a quello già preventivato. Non da meno bisogna tenere conto della legge Brunetta che vede l’assegnazine di aumenti non più sulla base di una generalità ma sulla base di meriti personali.

I sindacati vogliono anche contratti stabili per tutti i lavoratori pubblici, quindi l’abolizione dei lavoratori precari che diverebbero lavoratori stabili. La contrattazione dura ormai da diversi mesi e forse si è giunti alla chiusura della stessa con buoni risultati da ambo le parti. Volontà comune è terminare l’intera procedura prima del 4 dicembre, giorno del referendum.

Il ministro Madia ha voluto mettere in evidenza quattro punti in particolare: una riforma fatta insieme ai lavoratori del pubblico impiego, l’impegno sulle risorse, il superamento di una logica punitiva e ideologica e la messa a punto di obiettivi trasparenti e misurabili per aiutare a valorizzare il pubblico impiego.Già nella giornata di oggi il ministro Madia vorrebbe avere un nuovo incontro con i sindacati per trovare un accordo.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Bianca Maria - Trovo giusto il progredire di una contrattazione tra il ministro Madia e i sindacati. Tale contrattazione porta senza dubbio un giovamento ai dipendenti del settore pubblico non solo dal punto di vista economico; un beneficio verrebbe riscontrato anche in una situazione lavorativa più stabile e quindi più sicura. Non c'è che auspicarsi che le due parti possano raggiungere un punto di incontro atto a portare beneficio ai lavoratori dipendenti da sempre ritenuti la parte più debole e quindi più bisognosa di sostegno.

Lascia un tuo commento
Commenti
Federica Incorvaia

28 novembre 2016 - 13:38:38

mi pare anche giusto!!

0
Rispondi