Iscriviti

Istat: casalinghe sempre più anziane e più povere

L'indagine dell'Istat racconta che le casalinghe italiane oggi, sono mezzo milione in meno rispetto al 2006. La loro situazione economica è grave, pur lavorando oltremisura.

Lavoro
Pubblicato il 11 luglio 2017, alle ore 00:11

Mi piace
14
0
Istat: casalinghe sempre più anziane e più povere
Pubblicità

Il mondo delle casalinghe appartiene sempre più al passato. Questo è quanto emerge nell’indagine pubblicata dall’Istat oggi, 10 luglio 2017, sulla realtà delle donne che svolgono un lavoro in casa. I numeri sanno parlare in modo chiaro: negli ultimi dieci anni il calo è stato più che significativo. Nel 2006 le casalinghe erano 7,85 milioni, a fine 2016 se ne contavano 7,34 milioni.

L’Italia conta, quindi mezzo milione di casalinghe in meno rispetto a dieci anni fa. Ma non è tutto. Sono diventate anche più anziane. Le donne con più di 65 anni che svolgono un lavoro in casa sono passate dal 36 al 40,9%, mentre le casalinghe con un’età inferiore ai 44 anni sono passate dal 25,6 al 20,3%.

Guardando dentro al contenitore “casalinghe” disegnato dall’Istat, ci accorgiamo che la situazione è piuttosto problematica sotto diversi punti di vista. Spesso rimanere in casa a lavorare non è una scelta. Per il 73% delle casalinghe in età compresa tra i 15 e i 34 anni, la scelta è stata determinata da “motivi famigliari“. Su 700mila casalinghe ne sono state contate quasi una su dieci, in condizioni di povertà assoluta e comunque almeno la metà (47,4%) ha apertamente dichiarato di aver risorse economiche scarse o insufficienti per mandare avanti una famiglia. Le casalinghe che hanno maggiori problemi a livello economico sono le più giovani. Senza un lavoro retribuito è difficile uscir fuori dalla povertà.

Il lavoro delle casalinghe è estremamente impegnativo. L’Istituto di statistica ha calcolato che nel 2014 le donne hanno lavorato per 50,7 miliardi di ore nel campo della “produzione famigliare“, ossia nelle attività domestiche, nella cura dei bambini, degli adulti e degli anziani presenti in famiglia.

Facendo un confronto tra una donna casalinga, una donna occupata e un uomo occupato l’Istat ha dimostrato che, in media, la prima lavora per 2.539 ore all’anno, la seconda per 1.507 ore e il terzo, l’uomo occupato (o non occupato), per 826 ore.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - Il prendersi a cuore le persone care attraverso la cura degli ambienti, dei vestiti, del cibo ecc., dovrebbe essere un lavoro che gratifica... quando si ama, anche le cose parlano d'amore. Purtroppo, sempre più, ciò che manca è il "riconoscimento", ossia la donna che è a casa "deve", le compete... al di là della stanchezza, della malattia, degli anni, svilendo il significato di "casa" come "nido familiare". Poi quando subentra il fattore denaro... allora anche la poesia cessa. Purtroppo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!