Iscriviti

Studenti in piazza in tutta Italia: “Ci rubano il futuro”

Mobilitazione studentesca nelle maggiori città italiane per protestare contro la Legge di Stabilità e per chiedere più investimenti per le scuole pubbliche e l'università

Scuola e Istruzione
Pubblicato il 15 novembre 2013, alle ore 12:03

Mi piace
0
0
Studenti in piazza in tutta Italia: “Ci rubano il futuro”
Pubblicità

Sono migliaia gli studenti che oggi sono scesi in piazza per protestare contro la Legge di Stabilità, i finanziamenti alle scuole private e per chiedere più investimenti per le scuole pubbliche e l’università.

Lo slogan della protesta è “Change the way”, ovvero una reale inversione di rotta nelle politiche relative all’istruzione. “La Legge di Stabilità non realizza la svolta di cui il Paese necessita per uscire dalla recessione e tornare a crescere: per questo durante gli scioperi e le manifestazioni indette da Cgil, Cisl e Uil di questa settimana, a partire da oggi a Roma, noi studenti scenderemo in piazza accanto ai lavoratori chiedendo una reale inversione di marcia per scuola, università e lavoro”. A dirlo è Gianluca Scuccimarra, coordinatore dell’Unione degli universitari.

E non sono mancate le tensioni. A Roma gli studenti si sono radunati in Piazza della Repubblica per poi sfilare per le vie del centro: “La nostra intenzione è di arrivare il più vicino possibile al Senato. Questo per noi è un ultimatum al governo”, mentre nei pressi di piazza Venezia un gruppo di circa 80 militanti del Blocco studentesco (la rete di studenti che fa riferimento a Casapound) ha tentato di forzare un cordone delle forze dell’ordine per raggiungere il Campidoglio, ma è stato respinto dalla polizia con una carica di contenimento e due ragazzi sono stati fermati. La situazione è poi tornata alla normalità e la manifestazione si è sciolta.

Anche a Bologna si sono verificati disordini, con gli studenti che hanno bloccato i viali all’altezza della stazione già dalle otto del mattino, per poi dirigersi al palazzo della Provincia, dove sono stati respinti dalle cariche della polizia.

A Milano, nonostante la pioggia, oltre trecento studenti stanno sfilando per le strade della città, mentre il corteo dei sindacati Cgil, Cisl e Uil di Milano, in cui sono presenti anche il segretario federale della Cgil Susanna Camusso e il numero uno della Cisl Raffaele Bonanni, è partito da Corso Venezia in direzione di Piazza della Scala, per manifestare contro la Legge di Stabilità.

Altre notizie interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!