Iscriviti

Maturità 2017: gli esami di maturità servono davvero a qualcosa?

Ammessi il 96,3% degli studenti all'esame di maturità, nella giornata di domani si terrà la prima prova. In molti si domandano: gli esami servono davvero a qualcosa?

Scuola e Istruzione
Pubblicato il 20 giugno 2017, alle ore 20:58

Mi piace
7
0
Maturità 2017: gli esami di maturità servono davvero a qualcosa?
Pubblicità

Con i dati alla mano, passare agli esami sembra quasi una cosa certa; infatti, domani, dalle ore 8:30 prenderanno parte il 96,3% dei 505 mila studenti che hanno frequentato l’ultimo anno scolastico delle scuole superiori ed i canditati esterni. A rivelarlo è il sito del ministero delle istruzioni, che ha reso questo primo dato come parziale. Se si confermasse, sarebbe un vero record per gli ultimi anni. 

Se la matematica, quindi, non è un opinione, a casa resteranno solamente 18 mila ragazzi sui 505 mila circa disponibili, ed è un dato davvero basso. La percentuale di quest’anno è un vero record, poiché mai percentuale è stata così alta negli ultimi dieci anni.  E’ stato battuto anche il record del 2006/2007, in quegli anni a non essere ammessi furono solamente il 4%, mentre nel 2009/2010 i non ammessi furono il 9%. Da quell’anno in poi, la percentuale è andata sempre ad abbassarsi.

In molti ripropongono i dubbi di questi esami, dicendo che siano solamente una formalità. Gli studenti potrebbero quindi anche non vivere il periodo di ansia, poiché nel 2015/2016 staccò il biglietto dell’Università il 99,5% dei maturandi. 

Anche sui promossi degli ultimi dieci anni c’è stato un calo delle bocciature: iniziando dall’anno 2006/2007 dove furono bocciati solamente il 2,9% fino al dato dell’anno scorso, che non sfiorava nemmeno l’1%. Quindi sarebbe meglio, secondo quanto emerge da questi dati, togliere gli esami di mezzo e dall’imbarazzo i professori esterni che si ritrovano a bocciare uno studente che hanno avuto modo di conoscere pochissimo.

Comunque, fino a quando ci saranno gli esami, esisterà anche l’ansia degli studenti: il Miur, il Ministero dell’Istruzione, ha lanciato la campagna #NoPanic, chiamando persone importanti come Luca Serianni e l’astronauta Samantha Cristoforetti, e sono arrivati anche i consigli di Alessandro Borghese, cuoco, che ha consigliato di alimentarsi bene di prima mattina.

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Emanuele Novizio - Esami di maturità, il più grande dilemma del pianeta: in tanti si chiedono se hanno davvero un'utilità. Leggendo i dati alla mano, sembra di no, poiché una grandissima percentuale viene promossa, ed ogni anno i bocciati diminuiscono sempre di più. In tanti chiedono di togliere questa "formalità" di mezzo, oppure cambiare almeno qualche "regola".

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!