Iscriviti

Microsoft brevetta un antifurto hi-tech per ridurre i furti di PC

Il dispositivo di antifurto progettato da Microsoft ridurrà i furti dei personal computer: funzionerà come ad oggi vengono lanciate le chiamate di emergenza, ed un segnale bloccherà tutte le funzioni del dispositivo.

Hi-Tech
Pubblicato il 27 giugno 2017, alle ore 14:27

Mi piace
11
0
Microsoft brevetta un antifurto hi-tech per ridurre i furti di PC
Pubblicità

I dispostivi per i cellulari che bloccano il software in caso di furto, della tipologia di “Find my iPhone”, sono già una prassi molto consolidata che oramai ha abbracciato molte realtà del mondo telematico: esse funzionano molto bene e, per questo, stanno dissuadendo sempre di più i ladri di smartphone dall’agire con azioni disoneste, rendendo inutili i loro propositi.

La Microsoft, però, ha pensato ad estendere di molto queste funzioni antifurto, applicando il concetto di antifurto hi-tech anche ai PC ed a tutti i loro discendenti mobili e non, creando un sistema ad alta tecnologia, concesso come brevetto all’azienda californiana, che permette ai personal computer di diventare inutili oggetti da soprammobile per i ladri che ne tenteranno il furto.

La funzione di antifurto per i personal computer è avanzatissima e supera molti ostacoli con i quali i ladri potrebbero cercare di rendere malfunzionante questo sistema: l’alta tecnologia permette di attivare questa funzione con una chiamata di emergenza, che funziona anche con l’assenza di rete e senza il bisogno di disporre di una SIM. La chiamata disattiverà immediatamente tutte le funzioni di sistema del PC, il quale non potrà essere utilizzato dai ladri.

La disponibilità di questo innovativo sistema contro i furti dei PC deve ora passare attraverso la Microsoft e le compagnie telefoniche, che dovranno aderire affinché debbano trovare il consenso dei proprietari di personal computer, i quali devono essere d’accordo nel tracciare i loro PC (e simili) per far funzionare il sistema in modo adeguato.

D’altronde, questi stessi dati e consensi vengono chiesti anche ai proprietari di smartphone per bloccare i telefonini, quindi non si vede alcun ostacolo all’orizzonte per i rapporti tra proprietari del computer, telefonia, e Microsoft. I ladri di computer, che si sfregavano le mani fino ad oggi, hanno i giorni contati ed i loro colpi renderanno i PC niente di più che dei bei monili con cui abbellire le proprie case.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Claudio Bosisio - Il sistema ad alta tecnologia che Microsoft sta sviluppando per bloccare il PC in caso di furto è innovativo e funzionale: grazie ad un comune telefono fisso o mobile, sarà possibile bloccare tutte le funzioni del computer e del sistema operativo, rendendo vane le azioni dei disonesti. Un grande passo in avanti che porterà benefici ulteriori agli utenti di personal computer, e che recherà nuovi benefici economici alla Microsoft.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!