Iscriviti

I gadget hi-tech più cool da portare in vacanza quest’estate

Anche se per qualcuno gli impegni continuano, le vacanze si avvicinano, e pensare di intraprenderle senza la dovuta dotazione tecnologica è, al giorno d'oggi, pura eresia: ecco, quindi, una serie di gadget adatti ad ogni contesto/esigenza di vacanza.

Hi-Tech
Pubblicato il 19 giugno 2017, alle ore 19:24

Mi piace
18
0
I gadget hi-tech più cool da portare in vacanza quest’estate
Pubblicità

Siamo alle porte dell’estate e, benché – per molti – gli impegni di lavoro e di studio non siano (ancora) terminati, per tanti è già tempo di pensare alle vacanze: per viverle al meglio, la tecnologia può fornire un grosso aiuto. Come nel caso dei vari gadget oggetto di questa rassegna.

Un jolly tuttofare per le vacanze

Quando ci si sposta lontano dalle proprie location abituali, può esservi l’esigenza di allestire in breve una rete di connessione, o una piattaforma per condividere i contenuti, senza dimenticare l’atavica sete di energia dei nostri device mobili: a queste ed altre esigenze può pensare l’All-in-1 Filebub della Ravpower (attualmente prezzato online a circa 42.99 euro).

Si tratta di uno scatolotto piuttosto compatto, che può fare da NAS, condividendo nella propria rete locale un hard disk, collegato alla porta USB, o delle schedine SD/microSD (fino a 128 GB), inserite nell’apposito slot (e formattate in nei file system FAT16/FAT32/NTFS). Grazie al Wi-Fi di cui è dotato, il Fibehub può cimentarsi nello streaming di video per circa 5 ore, merito anche della batteria integrata da 6000 mAh che, comunque, può essere usata anche come powerbank (con ricarica a 5V 1A). Sempre grazie alla connettività senza fili, può fungere anche da Wi-Fi Extender (b/g/n, a singola banda da 2.4 GHz, ma con velocità di trasferimento da 300 Mbps), ampliando la gittata della propria rete Wi-Fi anche ai piani superiori, o sulla spiaggia del proprio alloggio estivo. 

A conferma della sua versatilità, va annotato anche che l’All-in-one Filehub della Ravpower ha anche una porta Ethernet LAN, in modo che il device sia collegabile ad un modem in modalità router, o facendo da access point per un massimo di 5 dispositivi: il tutto, ricordiamolo, con una certa versatilità, vista la non necessità di alimentarsi alla rete elettrica.

Energia ovunque: i pannelli solari, senza o con accumulatore

Al dispositivo sin qui visto, è possibile abbinare un ottimo pannello solare portatile, assai gradito ai campeggiatori, agli escursionisti, ed a chi ama lunga sortite a piedi o in bici: il modello “RAVPower Caricabatterie Solare” (43.99 euro), una volta ripiegato, è poco ingombrante (24 x 16 cm), mentre – “srotolato” – è costituito da 3 sezioni munite di celle solari SunPower da 13 x 22 cm, per un totale di 62 x 24 cm.

Grazie al tasso di conversione del 23.5%, ed alla capacità di ricarica a 16W, questo dispositivo può ricaricare 2 dispositivi in contemporanea, grazie a due porte USB di dimensioni normali, in grado di erogare energia a 2,4 A 5V, o a 3,2A 5V: tuttavia, non essendo dotato di un accumulatore, quando non si ha bisogno di ricaricare alcunché, ma c’è ancora del Sole a disposizione, è necessario collegarvi almeno un powerbank (es. l’XTorm XB 202 da 17000 mAh, con 3 porte USB di cui una Type-C con Quick Chage 3.0). Da segnalare che, grazie a 4 fori con anelli rinforzati, ed ai 4 moschettoni presente nel bundle in commercio, è possibile appenderlo ovunque, magari anche sulla parete della propria tenda, o ad un albero.

Diversamente, il modello di pannello solare della Dodocool può rivelarsi può comodo: costituito da 2 celle solari SunPower con potenza a 12W, in una giornata di sole ricarica la batteria integrata da 10.000 mAh (con relativi LED indicanti il livello di carica residua) che, grazie a due porte USB, può fungere anche da powerbank (anche a ricarica solare in corso): nella fattispecie, con un solo device collegato, si carica a 2,1 A a 5V, mentre – con 2 dispositivi connessi in simultanea – la tecnologia iSmart fornisce la massima velocità di ricarica possibile per ognuno dei due.

Energia per tutti, grazie alle prese multi-porta

Non avendo problemi di energia, ma disponendo di una rete elettrica stanziale, tornerà senz’altro utile l’alimentatore da muro AUKEY con triplo USB, e Quick Charge 3.0: com’è possibile intuire, questo dispositivo dalla forma di un piccolo rettangolo (68.5 x 52 x 22 millimetri , per 52 grammi) dispone di 3 uscite USB, con 2 per la ricarica normale (2,4 A 5V) ed 1 per quella rapida, grazie al Quick Charge 3.0 dell’americana Qualcomm che, nella fattispecie, si esplica con tre, differenti, velocità (6,5V 3A, 9V 2A e 12V 1,5A). Implementato contro surriscaldamenti e sovraccarichi, è disponibile online a 19,9 euro.

Passione musica e fotografia

Ovviamente, quando si è in vacanza, musica e foto sono quasi d’ordinanza: per la prima, è consigliabile un altoparlante mobile come il modello “BTSP-WP400-BLK” dell’Avantree: è un cilindro immune agli spruzzi d’acqua (IPX4), con scocca in gomma e griglie per l’emissione del suono in metallo. Grazie ai 2 altoparlanti da 5 Watt, ed al subwoofer, il suono – con esaltazione dei bassi – è percepibile sino a 10 metri di distanza, mentre la batteria assicura 40 ore in stand-by, e 6 ore di riproduzione continua (da smartphone via Bluetooth 3,0 o cavo AUX, o tramite schedine SD). Prezzato a 39 euro, può essere anche agganciato alla bici, a mo’ di borraccia, tramite gli adattatori compresi. Passando alla fotografia, il kit della Apexel (7.11 euro), con 5 lenti, permetterà di fare a meno della propria fotocamera scattando foto grandangolari, a occhio di pesce (180° in orizzontale), o realizzando eccellenti ingrandimenti (macro): il tutto senza danneggiare il proprio smartphone (Android o iOS), grazie alla pinza con zone di contatto in gomma, o senza il timore di perdere le lenti fissate, grazie all’alloggiamento in metallo. 

E la lettura? Ovunque, purché con protezione impermeabile

Tra le altre passioni coltivabili in vacanza, v’è senza dubbio quella della lettura. Non disponendo di dispositivi con certificazione IP68, la protezione contro acqua salata e sabbia può ottenersi grazie ad una custodia/busta trasparente: quella della Aukey (5.99 euro) può ospitare e-book reader, phablet, o tablet, fino a 160 per 85 x 10 mm (6 pollici). Meglio ancora, ovviamente, sarebbe il far affidamento a device che, per natura, si prestano anche ad usi in contesti outdoor: tra gli smartphone, vi è l’imbarazzo della scelta (i recenti LG X venture o AGM X1, l’Archos 50 Saphir. il Moto X Force, l’Ulefone Armor, il Crosscall Trekker-X3, o il Doogee T5 Lite), mentre – in ambito e-reader – la scelta va d’uopo ad uno tra il Kobo Aura H20 o il Kindle Oasis.  

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - Ormai è innegabile: quando si va in vacanza, è impossibile rinunciare alla tecnologia, prova ne è una statistica di qualche giorno fa della McAfee secondo la quale, agli italiani, proprio non interessa il Digital Detox. Stime alla mano, il 57% del campione consultato vuole la connessione anche in spiaggia, mentre il 52% vuole potersi connetter per chattare almeno un'ora al dì. Quindi, con presupposti simili, pensare di andare in vacanza senza il minimo equipaggiamento possibile, in ambito tecnologico, è pura eresia: ecco, quindi, la guida che fa per voi, sì da operare le scelte giuste per ogni contesto/esigenza di vacanza.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!