Iscriviti

Il principe William incontra una piccola orfana: "Anche io ho perso la mamma quando ero troppo piccolo"

Aoife è una bimba di 9 anni che ha da poco perso il papà a causa di una brutta malattia. Il principe William ha deciso di incontrarla e di raccontarle la sua commovente storia che ha lasciato il mondo intero senza parole

Gossip
Pubblicato il 16 gennaio 2017, alle ore 12:43

Mi piace
7
0
Pubblicità

Perdere la madre è un trauma per ogni essere vivente. Se tutto questo avviene, però, quando si è ancora molto piccoli la ferita è ancora più difficile da rimarginare.

Lo sa bene il principe William che ha perso la mamma quando aveva soltanto 15 anni. Una morte improvvisa, come tutti noi sappiamo, che arriva a causa di un tragico incidente che ha strappato all’amore della sua famiglia, ed in particolare dei suoi figli, Diana Spencer, l’amatissima principessa inglese.

Un lutto difficile da elaborare, anche e soprattutto per il principe William e per il principe Harry, che si sono ritrovati con tutti i riflettori puntati addosso in un momento in cui la loro vita era stata completamente stravolta.

Un fatto molto importante di cui il principe William non ha mai voluto parlare. Decide di farlo oggi, a distanza di tanti anni dalla morte di Lady D, parlando con una bambina che da poco ha perso il proprio papà. Aoife, questo il nome della piccola, sta soffrendo moltissimo per la perdita del padre.

Il principe William, colpito dallo stato d’animo della piccola, decide di avvicinarsi a lei e di parlare per la prima volta della morte della mamma. “Parli mai di tuo padre? È importante che tu lo faccia, fondamentale per il tuo benessere” ha detto il principe William alla piccola.

William ha quindi cominciato a raccontare ciò che ha vissuto nei momenti successivi alla morte della madre. Il principe ha dichiarato quanto in realtà non sia riuscito da subito ad elaborare quel lutto, di quanto si rifiutasse addirittura di parlare della madre nei primi mesi successivi alla sua scomparsa.

William, però, ad oggi è riuscito a capire quanto in realtà porti ancora dentro di sé tanto di sua madre e lotta ogni giorno affinché lei possa essere fiera di lui e per cercare di portare avanti tante delle opere che la donna aveva iniziato. William, ad esempio, sostiene da tempo un’associazione che supporta i bambini che devono superare la perdita di un genitore, la Child Bereavement.

Incontrare la piccola Aoife, di soli nove anni, e sperimentare il dolore che la piccola stava affrontando è stato importante quindi anche per il principe William. Il loro incontro è diventato in pochissimo tempo un vero e proprio caso internazionale, che ha mostrato ancora una volta la fragilità di un figlio che ha perso la mamma quando era ancora troppo piccolo.

Non è la prima volta che un membro della famiglia reale, però, decide di aprirsi e di raccontare il modo in cui ha elaborato il lutto per la perdità di Diana. Qualche mese fa, infatti, anche il principe Harry ha iniziato a parlare di quel terribile momento e di quanto difficile sia stato riuscire a ad accettare che la madre fosse scomparsa.

Cosa ne pensa l’autore

Ginevra Bellucci - Credo che William stavolta abbia davvero superato se stesso e fatto capire al mondo interno che Diana è ancora fra noi ed in particolare dentro di lui. Il suo carattere, il suo modo di fare, i suoi interessi e progetti ma soprattutto le sue azioni ricordano tanto quelle della mamma Diana. D'altronde non poteva essere che così: da una grande donna nasce sempre un grande figlio e William ne è una prova davvero evidente! Ho molto apprezzato le sue parole ed il modo in cui si è avvicinato alla piccola Aoife. GRANDE WILLIAM!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!