Iscriviti

Project Scout, la risposta indie alla consolle ibrida Nintendo Switch

Il mercato delle consolle da gaming 2-in-1 è, al momento, appannaggio della Nintendo che, con "Switch", sta mietendo successi su successi: tuttavia, ben presto, potrebbe esservi una nuova consolle simile, la "Project Scout", con hardware degno di un PC.

Games
Pubblicato il 17 luglio 2017, alle ore 14:00

Mi piace
10
0
Project Scout, la risposta indie alla consolle ibrida Nintendo Switch
Pubblicità

Qualche mese fa, Nintendo ha distribuito ufficialmente – dopo innumerevoli rumors – la sua prima consolle ibrida, la Nintendo Switch, capace di trasformarsi da piattaforma fissa a gaming consolle portable, semplicemente giustapponendo, lateralmente, dei controller “Joy”. Il prodotto si è rivelato un vero successo, anche a fronte di problematiche non da poco che, tuttavia, la casa di Kyoto farà bene a risolvere presto, prima che arrivi “Project Scout”, la sua prima alternativa “indie”

Nintendo Switch, la consolle 2-in-1 dell’azienda che ha dato i natali a Super Mario, sta raggranellando successi su successi. Non solo ha venduto, al lancio, più del predecessore Nintendo Wii U (non ci voleva molto), ma – da diversi mesidomina le classifiche di vendita hardware in diversi mercati (oltre a quello, nipponico, di casa). Tuttavia, i problemi che questa consolle ha non sono da poco: nonostante la conversione dei franchisee storici della gaming house, e l’arrivo di esclusive quali “Mario Kart 8 Deluxe” e “The Legend of Zelda: Breath of the Wild“, il parco giochi di questa consolle può dirsi ancora povero, visto il non totale e convinto supporto degli sviluppatori (Konami, ad esempio, non farà uscire PES 2018 per Switch), e la durata della batteria – in modalità standalone – francamente migliorabile.

Due problemi che lo sviluppatore Chase Cobb, impiegato alla San Francisco Bay Arena presso i “Nod Labs”, assicura non presenti nella consolle sperimentale “Project Scout” alla quale sta lavorando, a fari spenti, da mesi. Dopo diversi test, ed i primi ottimi feedback ottenuti, il giovane creativo ha pensato di condividerne alcuni dettagli sul suo canale YouTube, fornendo anche alcune specifiche tecniche della consolle in oggetto.

Nello specifico, Project Scout avrebbe (il condizionale è d’obbligo, dacché l’hardware alla fine verrà rivisto al rialzo) un processore Intel Core i3-6100, cloccato a 2.3 GHz, ed abbinato ad una scheda grafica integrata Intel HD 520: la RAM ammonterebbe ad 8 GB (DDR4-2133), mentre lo storage farebbe conto su un hard disk a stato solido (SSD) da 250 GB di capienza. Di base, si tratterebbe di credenziali tecniche in grado di ospitare molti giochi, facendo giraresul display da 7 pollici implementato (1280×800 pixel) anche titoli complessi e pesanti come “Rocket League”, “Titanfall 2”, e “Overwatch”.

Oltre a questo, il device – progettato col software “Fusion 360”, e stampato con la printer 3D “Ultimaker 3 Extended” – sarebbe anche in grado di eseguire lo streaming dei giochi eseguiti su Xbox One, grazie alla connettività Wi-Fi, ed alla dotazione dei controller integrati, e nativi, proprio della consolle di casa Microsoft: da quanto dimostrato in corso di video, lo streaming dei giochi eseguiti avviene in modo scorrevole, con lag praticamente inesistenti o, comunque, molto rari. 

Al momento, il progetto è ancora in fase di miglioramento e, alla fine, potrebbe anche giungere su Kickstarter, per una campagna di crowdfunding che, di sicuro, farebbe felici non pochi amanti del gaming mobile. 

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - Trovo che anche il prototipo di consolle ibrida di Chase Cobb, al pari della Nintendo Switch, sia molto valido, anche se leggermente differente: in questo caso, infatti, la consolle, oltre a funzionare in modalità propria, fungerebbe anche da ripetitore remoto dei giochi eseguiti sulla Xbox One. In questo modo, qualora la TV di casa fosse impegnata, sarebbe possibile lo stesso giocare ai propri titoli preferiti, in mobilità, con potenza ed autonomia adeguate a quelle di una consolle tradizionale. Bella idea, purché non rimanga troppo di nicchia.

Lascia un tuo commento
Commenti
Claudio Bosisio

19 luglio 2017 - 14:42:50

L'indie è in piena voga! Quanto durerà?

0
Rispondi
Fabrizio Ferrara

19 luglio 2017 - 16:01:13

Finché ve ne sarà domanda :)

0