Iscriviti

Uova e insetticida nei Paesi UE: c’è anche l’Italia

Attraverso il canale Francia-Olanda anche l'Italia è finita tra i 15 Paesi coinvolti nello scandalo delle uova contaminate da insetticida fipronil. Esistono significativi rischi per chi si espone a grandi dosi.

Esteri
Pubblicato il 12 agosto 2017, alle ore 19:43

Mi piace
8
1
Uova e insetticida nei Paesi UE: c’è anche l’Italia
Pubblicità

La Commissione europea ha fatto sapere in una conferenza stampa che 15 Paesi sono coinvolti nello scandalo “uova contaminate da insetticida fipronil“. Alcune aziende coinvolte nello scandalo forniscono anche l’Italia di uova, ma ciò non significa che ne abbiano consegnate di contaminate, sicuramente il nostro Paese ora è sotto la lente dei controlli.

Oltre ad alcuni Paesi dell’Unione europea – Italia, Germania, Francia, Olanda, Belgio, Irlanda, Polonia, Lussemburgo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Danimarca, Svezia, Regno Unito, Austria – sono coinvolti nello scandalo la Svizzera e Hong Kong. Il 26 settembre a Bruxelles, è stato annunciato da Daniel Rosario, portavoce Ue per il Commercio e l’Agricoltura, una riunione speciale della Commissione europea per trattare lo scandalo delle uova contaminate.

Il ministero della Salute ha reso noto che le autorità sanitarie hanno già provveduto a sequestrare in Italia alcuni prodotti giunti da un’azienda francese che si riforniva di uova da uno degli allevamenti olandesi che usava fipronil. E’ stata la stessa Francia, l’8 agosto, a segnalare all’Italia i prodotti sotto inchiesta, che per questo motivo non sono stati messi in commercio.

I rischi per la salute dipendono dalla quantità di sostanza ingerita. Nella normalità non dovrebbero sopraggiungere eccessivi problemi, ma non vanno escluse complicazioni in particolare per i bambini. Il fluocianobenpirazolo, nome chimico del fipronil, è un insetticida ad ampio spettro, che va a disturbare l’attività del sistema nervoso centrale dell’insetto che come effetto ha una ipereccitazione dei nervi e dei muscoli.

L’insetticida viene usato solitamente contro le pulci, la sua attività è lenta, tanto che una volta avvelenato, l’insetto non muore immediatamente, ma ha tutto il tempo di ritornare alla sua colonia, avvelenando, in un effetto a catena, gli altri membri del gruppo. Il fipronil è contenuto come principio attivo anche in alcuni prodotti commerciali antiparassitari che vengono utilizzati per gli animali da compagnia.

L’Oms mette in guardia e vieta l’uso di fipronil: è pericoloso tanto per il fegato, quanto per reni e tiroide. Chi viene a contatto con forti dosi di fipronil è suscettibile a ipereccitabilità, irritabilità e tremori, nello stadio più grave a letargia e convulsioni.

I sintomi fortunatamente sono reversibili, non appena viene terminata l’esposizione. La sostanza viene assorbita lentamente attraverso l’intestino, i medici, per ridurre l’assorbimento, consigliano una lavanda gastrica, un purgante salino oppure carbone attivo. Un antidoto specifico ancora non è noto.

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - Le uova del pollaio dietro casa - per chi può ancora permetterselo - hanno il problema del rischio "aviaria", dicono. Quelle acquistate e messe in frigo per lungo tempo possono dare origine alla salmonella. Ci mancava solo l'insetticida! Ben vengano i controlli a 360°, ben vengano le informazioni che mettono in guardia e ci aiutano a cercare la provenienza, in questi giorni in particolare, dei prodotti che acquistiamo legati al mondo delle uova.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!