Iscriviti

Los Angeles: il selfie più costoso della storia

Una giovane cerca di scattare un selfie all'ultima collezione di Simon Birch posta in colonnine, perde l'equilibro e, con un effetto domino, le fa cadere a terra causando un ingente danno.

Esteri
Pubblicato il 16 luglio 2017, alle ore 11:39

Mi piace
7
0
Los Angeles: il selfie più costoso della storia
Pubblicità

Doveva essere un selfie davvero originale, di quelli che non se ne erano visti prima. Doveva essere un ricordo da portare per sempre con sè. Così una giovane donna di origine asiatica, mentre stava visitando la galleria d’arte di Los Angeles, nella stanza Hypercaine che ospita “La quattordicesima fabbrica“, ultima collezione di sessanta opere di Simon Birch, artista inglese, ha pensato ad un selfie.

Sicuramente le opere posate sulle colonnine erano una meraviglia e con lei in primo piano sarebbe stato un punto in suo onore farle girare tra amici e parenti, senonché – mentre cercava di accovacciarsi all’inizio di una delle quattro file di colonnine, per riuscire a riprendere il più possibile di opere d’arte – ha perso l’equilibrio ed ha urtato la prima delle colonnine; subito una decina di piedistalli dietro di lei si sono piegati uno sull’altro con un effetto domino.

Per la giovane donna l’onore si è trasformato in ònere: i danni sono stati calcolati per 200 mila dollari.

Per la ragazza ci sono testimoni oculari, che come lei stavano visitando la mostra e facendo le tradizionali foto frontali, e in più c’è il video che ha registrato tutta la scena: da quando attende il suo turno davanti alla fila di colonnine, a quando cerca di scattarsi un selfie e perde l’equilibrio, l’innesco del devastante effetto domino, il custode che accorre e alza disperatamente le mani, lei che cerca di rialzare le colonnine – come se bastasse – ed infine il custode che esce di scena, forse in cerca d’aiuto.

Probabilmente resterà il selfie della 14th Factory di Los Angeles, il più costoso di tutta la storia. Un artista, si sa, sente ogni opera come qualcosa di uscito dalle sue mani, dalla sua mente, dal suo cuore e il timore che durante le mostre gli accada qualcosa è sempre vigile. Simon Byrch dovrà affrontare anche questa verità.

Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - E' sempre più diffusa la mania del selfie. E' sicuramente un modo per dire c'ero proprio in quell'occasione, è un modo per essere protagonisti. Non so se è e rimarrà il selfie più costoso al mondo, ma automaticamente ho pensato agli adolescenti che scelgono di immortalarsi in situazioni pericolose... anche quelli sono selfie costosi, i più costosi...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!