Iscriviti

Francia: lega la moglie ai binari e si lancia sotto al treno

Un uomo lega la moglie ai binari e successivamente si lancia sotto al treno in arrivo; secondo le prime indiscrezioni era depresso e non accettava la fine del rapporto.

Esteri
Pubblicato il 16 giugno 2017, alle ore 11:10

Mi piace
10
0
Francia: lega la moglie ai binari e si lancia sotto al treno
Pubblicità

Non ci sarebbero dubbi riguardo l’accaduto secondo la polizia di Beauvilliers, in Francia: si tratterebbe di un terribile omicidio-suicidio la drammatica tragedia che si sono trovati davanti agli occhi. Sembrerebbe che il marito Guillaume Gremy, 37 anni, fosse depresso e non volesse rassegnarsi all’idea di aver perso la moglie Emilie Hallouin, 34 anni, con la fine del loro rapporto.

La moglie Emilie è stata ritrovata con le mani e i piedi legati ai binari, con il corpo straziato e privo di vita, non molto lontano da quello del marito. 
La polizia spiega che la donna era stata agganciata ai binari con un nastro adesivo, mentre il corpo dell’uomo è stato trovato a poca distanza. Non ha alcun dubbio la polizia nell’affermare che si è trattato di un omicidio-suicidio compiuto da un uomo che aveva una grave depressione.

Marito e moglie si erano separati da tre anni ormai, ma Gremy era disperato perché voleva tornare con la sua amata. La moglie aveva chiuso con il passato, scatenando la rabbia dell’uomo che ha deciso di mettere fine alla sua vita nel giorno del compleanno della moglie. 

L’uomo ha tagliato la recinzione che conduce ai binari con una tronchesina.

Ma tra le notizie più tristi ed agghiaccianti, purtroppo, dobbiamo anche dire che, quindici mesi prima, la coppia aveva messo al mondo un bimbo; oltre a lui, Gremy aveva altri due figli, di dieci e otto anni, da una precedente relazione, mentre Emilie aveva una figlia di dieci anni, che dovranno affrontare la triste e drammatica perdita avvenuta in modo così tragico ed improvviso.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Marta Lorenzon - Una tragedia disumana, che oltre a vedere l'omicidio agghiacciante di una giovane donna che non aveva nessuna colpa, dobbiamo sentire per l'ennesima volta di bambini che rimangono senza genitori per la scelta di un pazzo malato, che ha deciso per loro di mettere fine alla loro vita futura. Siamo vicini alle famiglie.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara

16 giugno 2017 - 23:02:06

E meno male che la amava. L'avesse odiata che le combinava? Assurdo. Se ami una persona, e non puoi starci assieme, la lasci libera, e ti auguri che sia felice.

0
Rispondi
Paola Assandri

16 giugno 2017 - 11:31:55

Ma è mai possibile che questi uomini non riescano ad accettare una cosa della vita?

0
Rispondi