Iscriviti

E’ morto il piccolo Brad, amico di Defoe, mascotte del Sunderland

Il piccolo, malato di neuroblastoma, è morto a sei anni. Il bambino era conosciuto in tutto il mondo da quando Defoe, prendendolo per mano, l'aveva fatto scendere in campo insieme a lui.

Esteri
Pubblicato il 10 luglio 2017, alle ore 00:55

Mi piace
13
0
E’ morto il piccolo Brad, amico di Defoe, mascotte del Sunderland
Pubblicità

Il piccolo Brad Lowery, 6 anni e malato da quando ne aveva due, conosciuto in tutto il mondo per essere stato la mascotte del Sunderland, è morto venerdì 7 luglio a causa di un tumore. A comunicarlo sono stati gli stessi genitori con un messaggio: “Il mio coraggioso ragazzo se n’è andato con gli angeli oggi alle 13.35 nelle braccia di mamma e papà e circondato dalla sua famiglia. Era il nostro supereroe e aveva combattuto la battaglia più difficile ma c’era bisogno di lui altrove”.

Nel messaggio i genitori, straziati dal dolore, si rivolgono al loro piccolo, affidandolo agli angeli: “Dormi bene e vola alto con gli angeli”. Il bambino da quando aveva due anni era stato colpito da un neuroblastoma, tumore che va a colpire le cellule del sistema nervoso simpatico.

Il piccolo Brad, già malato, era diventato la mascotte del Sunderland e per questo la sua vicenda era conosciuta in tutto il mondo. Il bambino era diventato amico di Jermain Defoe, un giocatore inglese che si era lasciato coinvolgere dalla storia e dalla simpatia di Brad, tanto che quando i giornalisti sono entrati sull’argomento del piccolo nel giorno della sua morte, è scoppiato in lacrime.

Brad-Lowery-con-Jermain-Defoe

Nel mese di marzo Defoe, si è recato all’ospedale a visitare Brad, e subito dopo aveva condiviso il messaggio in cui raccontava l’esperienza: il bambino gli aveva messo addosso le coperte, desiderava solo essere coccolato: “Non voleva che andassi via, l’ho abbracciato e si è addormentato”. La madre di Brad, scherzando, aveva detto al giocatore che sarebbe dovuto rimanere tutta la notte all’ospedale. Sempre nello stesso messaggio Defoe racconta di aver risposto alla donna: “Qualcuno chiami David Moyes e gli dica che non posso giocare nel weekend”.

Il 26 marzo, pochi giorni dopo la visita all’ospedale, a Wembley, Defoe si è presentato in campo con il piccolo Brad per mano, prima della partita dell’Inghilterra contro Lituania, un’immagine memorabile che ha fatto il giro del mondo, tanto che Brad era riconosciuto come la mascotte della Premier League.

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - Non c'è un'età per morire quando si ama e quando si è amati. Il dolore è straziante, il vuoto incolmabile. Ma quando muore un bambino al dolore si aggiunge la domanda: "Perché?". E non c'è una risposta, almeno una capace di mettere a tacere il dolore. In questi casi vicinanza alla famiglia, se è possibile - e per chi crede - una preghiera, è tutto ciò che possiamo fare. Ecco io dirò una preghiera per te, "Perché gli angeli ti accolgano" e per la tua famiglia, piccolo Brad.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!