Iscriviti

"Riprendiamoci l’Iva sulle bollette", la petizione per una class action

La petizione "Energia elettrica e Gas: riprendiamoci l'Iva pagata sulle tasse in bolletta" ha raccolto trentaduemila firme, ne mancano tremila per raggiungere l'obiettivo.

Economia e Finanza
Pubblicato il 17 maggio 2017, alle ore 23:50

Mi piace
11
0
"Riprendiamoci l’Iva sulle bollette", la petizione per una class action
Pubblicità

La petizione Energia elettrica e Gas: riprendiamoci l’Iva pagata sulle tasse in bolletta”, lanciata da Giuliano Scavetta su Change.org il 14 maggio scorso, ha raccolto trentaduemila firme, ne mancano meno di tremila per conseguire l’obiettivo prefissato: la promozione di una class action contro le società addette alla fornitura di gas e luce e recuperare la ‘tassa sulle tasse’ presente nelle bollette.

Una sentenza della Cassazione e un decreto ingiuntivo di un Giudice di Pace hanno stabilito il risarcimento per un contribuente, un cittadino veneto aveva fatto ricorso contro l’azienda Enel, erogatrice del servizio di energia elettrica: il procedimento, durato cinque mesi, ha visto il cittadino uscirne vincente.

La Corte di Cassazione a Sezioni Unite, nella sentenza n°3671/97, stabilì che “salvo deroga esplicita, un’imposta non costituisce mai base imponibile per un’altra“: un Giudice di Pace ha emanato così il suo decreto ingiuntivo contro l’Enel. L’azienda fornitrice dell’energia elettrica dovrà risarcire il cittadino che ha fatto ricorso della somma di 103.78 euro, aggiungendo però anche gli interessi e le spese legali.

La petizione precisa che l’imposta dell’IVA non può essere applicata su tutte le voci presenti in bolletta, quindi non sull’importo totale da pagare, ma solo sui servizi di vendita e sui servizi di rete, accise o addizionali regionali.“Tutti noi – conclude Giuliano Scavetta – possiamo recuperare quanto ingiustamente addebitatoci nel corso degli anni, richiedendo la restituzione delle somme uniti in class action. Il precedente di uno serva da incoraggiamento per l’azione di tanti “uniti”. Basta proteggere i soliti noti a danno e sulla pelle dei nostri sacrifici. Facciamo in modo che la legge venga rispettata da tutti”.

Imbarcarsi in un risarcimento in solitaria potrebbe risultare dispendioso, occorerebbe assumere un avvocato per intraprendere una lunga battaglia, la class action, unificando numerosi consumatori, ovvierebbe a tale difficoltà rendendo la giusta causa più agevole.

Federconsumatori, d’altrocanto, si è già attivata da tempo e da alcuni calcoli, è giunta alla conclusione che se tutti i cittadini richiedessero un rimborso IVA sulle bollette, si troverebbero a pagare in media tra i 50 e i 75 euro in meno all’anno per un consumo pari a circa 1.400 metri cubi di gas.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Chiara Lanzini - Se come ha sentenziato Corte di Cassazione a Sezioni Unite l'Enel ha commesso un'illegalità, mi chiedo perchè non vi sia l'intervento del governo per sanare un imbroglio, che se non arginato, continuerebbe a rimpinguare le casse dell'azienda fornitrice. In Italia, a quanto pare, l'unica modalità per far valere i propri diritti è intraprendere iniziative singole o collettive.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!