Iscriviti

Previsioni UE, nel 2013 il deficit al 2,9%, ma aumentano il debito pubblico e la disoccupazione

Le stime della Commissione UE confermano che il deficit nel 2013 non supererà la soglia del 3%, permettendo all’Italia l’uscita dalla procedura d’infrazione. Impennata del debito pubblico, che sale al 131,4% nel 2013 e dati allarmanti sulla disoccupazione.

Economia e Finanza
Pubblicato il 8 maggio 2013, alle ore 08:38

Mi piace
0
Preferiti
0
Previsioni UE, nel 2013 il deficit al 2,9%, ma aumentano il debito pubblico e la disoccupazione
Pubblicità
Interessi da seguire
  • correlati
  • commenti

La commissione UE ha pubblicato i risultati relativi alle indagini sulla crescita italiana, che confermano le aspettative della vigilia: il rapporto tra deficit e il Pil, nel 2013, torna sotto la soglia del 3%, mentre per il 2014 si prevede di scendere al 2,5%. Questa è sicuramente una notizia positiva per i mercati, in quanto i risultati sono tali da consentire all’UE di chiudere la procedura di disavanzo eccessivo.

“La chiusura della procedura d’infrazione” afferma Fabrizio Saccomanni, neo Ministro dell’Economia “sarebbe un grande riconoscimento per l’Italia, a cui guardano con estrema attenzione i mercati finanziari e le agenzie di rating”. Inoltre, l’abbassamento del deficit potrebbe favorire la riduzione dello spread (oggi a 269 punti base) e del costo del debito pubblico.

Nonostante questi dati confortanti, i numeri in arrivo da Bruxelles non sono del tutto incoraggianti. Schizza infatti il debito pubblico, che sale a 131,4% nel 2013 e a 132,2 nel 2014, complice soprattutto il decreto dei pagamenti alle pmi, che scombina le stime di febbraio che lo davano al 128%.

Cresce anche la disoccupazione, che raggiungerà l’11.8% nel 2013 e il 12,2% nel 2014, anche se da Bruxelles affermano che, nel 2014, è attesa una “stabilizzazione”.

Altre notizie interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!