Iscriviti

Ventimiglia, 16enne si lancia dal 2° piano della scuola. Ad un amico: "riprendimi"

Assume tratti sempre più oscuri e complessi l'insano gesto di un 16enne di Ventimiglia che, nella mattinata di ieri, si è lanciato dal secondo piano del plesso scolastico che frequentava, dopo aver chiesto ad un amico di "riprenderlo" per un attimo di gloria.

Cronaca
Pubblicato il 10 ottobre 2017, alle ore 12:42

Mi piace
7
0
Ventimiglia, 16enne si lancia dal 2° piano della scuola. Ad un amico: "riprendimi"
Pubblicità

Molto spesso si è detto che, per un attimo di notorietà, nell’epoca dei social e della visibilità a suon di like, si è diventati disposti a tutto. I casi di selfie estremo, d’altronde, non mancano, sia in Italia che all’estero. Nessuno, però, era arrivato ancora al punto di gettarsi dal secondo piano di un edificio, pur di finire al centro dell’attenzione: almeno sino a ieri, quando uno studente di sedici anni di Ventimiglia, ha fatto un volo di 6-7 metri, dopo aver chiesto ad un amico di “riprenderlo”.

Secondo le cronache della stampa locale, l’episodio è accaduto ieri mattina, nell’Istituto “Biancheri” di Via Roma, a Ventimiglia, in provincia di Imperia. Qui, al secondo piano, ove era ubicato il Centro professionale per l’impiego, il sedicenne protagonista dello sconsiderato gesto stava seguendo una lezione nell’ambito di un corso che lo qualificasse come operatore elettrico. Verso le 12.15, al momento della pausa, l’insegnante di storia e diritto ha abbandonato l’aula per eseguire una fotocopia, e l’occasione è stata colta dal ragazzo per mettere in atto il suo gesto: nello specifico, avrebbe chiesto ad un suo amico – scelto per l’occasione – di riprenderlo perché si sarebbe buttato dal secondo piano

Colui che avrebbe dovuto eseguire le riprese ha tentato dapprima di dissuaderlo ma, di fronte alla sordità del compagno di studi, si è precipitato ad avvertire l’insegnante che, però, è sopraggiunta troppo tardi: nel frattempo, infatti, il giovane si era calato dalla finestra, finendo per precipitare al suolo da un’altezza di 6-7 metri

Testimoni oculari dell’accaduto hanno riferito che il ragazzo si è quasi immediatamente rialzato in piedi, come niente fosse, rimettendosi a camminare ma che, dopo appena una decina di metri, si è accasciato per terra, proprio ove – qualche minuto dopo – è stato soccorso dagli operatori del 118, chiamati al momento dell’emergenza: questi ultimi, dopo averlo messo in sicurezza e stabilizzato, lo hanno condotto all’ospedale di Sanremo, ove risulta ricoverato con traumi non gravi e qualche sospetta frattura.

Le forze dell’ordine hanno avviato le indagini per ricostruire l’accaduto e le piste attualmente al vaglio sono almeno due. Una prima parla di un’eventuale adesione al pericoloso gioco (spesso mortale) del Blu Whale, tenuto conto che il ragazzo era in cura da tempo presso una psichiatra, assente da qualche giorno, in seguito ad una diagnosi di disturbo dell’apprendimento (datata 2013).

La seconda ipotesi, più concreta, emersa dopo un colloquio con conoscenti e genitori, parla del timore del ragazzo di essere sospeso da scuola per aver pestato – qualche giorno prima – un compagno di classe reo – a suo dire – di avergli lanciato una gomma. Quello che è certo è che il 16enne, alle forze dell’ordine che lo hanno interrogato, avrebbe riferito di averlo fatto “per avere un attimo di gloria ma di non aver fatto i conti col pavimento “particolarmente scivoloso“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - La vicenfa di questo sedicenne, man mano che passano le ore, diventa sempre più oscura e complessa: certo più di quanto sembrava all'inizio. In principio, infatti, si era parlato di una semplice bravata, ma l'eventualità che, alle spalle del gesto, vi sia altro, non è affatto remota. Di certo, si tratta di un ragazzo particolarmente irrequieto che, vuoi per noia, vuoi per farsi accettare di più dai compagni, o per la difficoltà di affrontare la fase dell'adolescenza, per qualche minuto ha perso il senno. Rischiando quasi di perdere anche la vita.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!