Iscriviti

Vajont, 50 anni fa la tragedia

Oggi è il 50esimo anniversario del disastro che causò oltre 1900 vittime. Napolitano: "Non fu una fatalità"

Cronaca
Pubblicato il 9 ottobre 2013, alle ore 16:26

Mi piace
0
0
Vajont, 50 anni fa la tragedia
Pubblicità

Erano le 22.39 del 9 ottobre 1963, quando un’enorme frana si staccò dal monte Toc sopra Longarone e piombò nell’invaso artificiale della diga del Vajont. La diga resistette all’urto, ma l’ondata d’acqua e di detriti (pari a cinquanta milioni di metri cubi) che fuoriuscì si riversò nella valle radendo al suolo sette paesi, Longarone, Pirago, Maè, Rivalta, Villanova, Faè, Codissago e Castellavazzo e portandosi via 1910 vite umane. Lo scenario che si presentò ai soccorritori fu impressionante. Non c’era più niente, l’acqua si era portata via tutto.

E nel giorno del 50esimo anniversario di questa tragedia che è ancora avvolta da molte ombre, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ribadisce esplicitamente che il  disastro non fu una fatalità, ma un errore umano. “La memoria del disastro che il 9 ottobre 1963 sconvolse l’area del Vajont suscita sempre una profonda emozione per l’immane tragedia che segnò le popolazioni con inconsolabili lutti e dure sofferenze. Il ricordo delle quasi duemila vittime e della devastazione di un territorio stravolto nel suo assetto naturale e sociale induce, a cinquant’anni di distanza, a ribadire che quell’evento non fu una tragica, inevitabile fatalità, ma drammatica conseguenza di precise colpe umane, che vanno denunciate e di cui non possono sottacersi le responsabilità”.

Sulla stessa linea del presidente della Repubblica è Pietro Grasso, presidente del Senato, presente a Longarone per rappresentare lo Stato nelle cerimonie di commemorazione. “Questo disastro si sarebbe evitato se una maggiore considerazione della vita umana avesse prevalso su interessi economici e strategici. Non si possono sottacere le pesanti responsabilità umane che hanno determinato la catastrofe”.

Pietro Grasso ha poi ricordato le parole di Tina Merlin che parlò di “un genocidio” e fece un richiamo alla giustizia e ai colpevoli di assumersi “le responsabilità di quanto hanno fatto”. “Ci sono voluti decenni di processi, le condanne, i risarcimenti ma la giustizia, in questa valle, ancora non ha trovato piena cittadinanza. Molti sono i punti ancora da chiarire, molte le responsabilità ancora non emerse, tante le domande che ancora oggi cercano risposta. E finché non arriveremo a una verità, finché non si sarà fatta piena luce su ogni aspetto di questa tragedia, non potremo trovare pace”.

Altre notizie interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!