Iscriviti

Sfratto esecutivo per una 82enne: finirà in strada

Non ha pagato il mutuo in cui s'era impegnata per sostenere l'attività dei figli, fallita nel 2008. Ora, lei e altre cinque persone finiranno sulla strada.

Cronaca
Pubblicato il 16 aprile 2017, alle ore 12:42

Mi piace
9
0
Sfratto esecutivo per una 82enne: finirà in strada
Pubblicità

Abita a Curtarolo, in via Monte Ortigara, ha 82 anni ed è pensionata: stiamo parlando della signora Bruna Rami che, il 19 aprile, riceverà lo sfratto esecutivo. Sulla strada, insieme a lei, altre cinque persone: figli, nuora, e nipoti. Il mutuo della casa non è stato saldato, e la signora Bruna aveva fatto da garante, mettendo anche all’asta il lotto di sua proprietà. Ma non è bastato.

I guai sono iniziati dall’attività imprenditoriale gestita dai figli insieme ad altri soci, con capitali bancari. Il primo mutuo, circa 300 mila euro, è stato chiuso per alcune irregolarità, così, spiegano i familiari, ne è stato acceso un altro per 260 mila euro. Per questo mutuo, garantiva Bruna Rami. Purtroppo, l’impresa non ha avuto fortuna e, nel 2008, è fallita con sentenza pronunciata dal tribunale. Di conseguenza, la banca ha acquisito casa e terreni.

La crisi economica che si manifestava in tutta Italia, Veneto compreso, non ha permesso un lavoro alternativo ai due figli, per poter riacquistare le proprietà. I beni, finiti all’asta, sono stati acquistati da una famiglia di un vicino paese: inizialmente, c’erano stati dei tentativi di accordo, poi tutto è degenerato.

Figli e nipoti non riescono a trovare un lavoro che permetta loro almeno un appartamento in affitto. Bruna spiega il suo dolore immenso: ”Vivo in questa casa da decenni, andarmene alla mia età è davvero un trauma”.

Nel frattempo, i vicini si sono dati da fare costituendo un comitato per sostenere tutta la famiglia della signora Rami. Hanno fatto anche un appello a Fernando Zaramella, sindaco di Curtarolo, invitandolo a fare il possibile per salvare la famiglia dalla strada. Da parte sua, il sindaco riconosce il bisogno, ma non nasconde le difficoltà nel dare una mano: “Seguiamo questo caso da mesi. Purtroppo, è veramente difficile trovare alloggi provvisori, vista la scarsità di immobili di proprietà comunale”.

La famiglia, il 19 aprile, rischia davvero di finire sulla strada.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - Storie tristi, storie di gente che cerca di impegnarsi, di realizzare, forse, un sogno coltivato fin dall'infanzia, ma che - per chissà quale motivo - affonda. Sicuramente, la parte del leone l'ha avuta la crisi economica, che ha reso la vita difficile a molti piccoli imprenditori. Scrivo perché mi auguro che qualcuno legga, e che qualcuno cerchi di dare un lavoro ai figli e ai nipoti di questa signora, permettendo loro una vita dignitosa.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!