Iscriviti
Venezia

Portogruaro: migrante trovato morto dentro un vagone

Alla mezzanotte di martedì 4 aprile, è stato scoperto un uomo morto all'interno di un vagone merci, alla stazione di Portogruaro, in provincia di Venezia.

Cronaca
Pubblicato il 5 aprile 2017, alle ore 19:20

Mi piace
11
0
Portogruaro: migrante trovato morto dentro un vagone
Pubblicità

Proveniva dalla Serbia il vagone merci giunto per un’azienda a Portogruaro (Venezia), in cui è stato ritrovato senza vita un uomo.

Si tratta di un migrante che ha cercato di entrare in Italia dalla rotta balcanica, anche se sono ancora in corso le indagini per stabilire le cause del decesso, ed eventuali responsabilità di terzi.

L’uomo si ritrovava all’interno di un vagone che trasportava cereali, e i Vigili del Fuoco giunti sul posto durante la notte sono stati chiamati proprio dal personale della ditta, dove il carro merci era destinato, in una frazione di Summaga.

Le indagini sono state affidate al Commissariato di Polizia di Portogruaro, mentre la Procura di Pordenone indaga sulle varie cause del decesso, anche se la causa più probabile della morte potrebbe essere asfissia: in ogni caso, è stata disposta l’autopsia per averne conferma.

Nel frattempo, nel vagone accanto a quello della triste scoperta, è stato ritrovando un altro ragazzo privo di documenti. Dalle indiscrezioni, sembra un giovane marocchino, che avrebbe confermato di essere salito sul treno in Serbia, ma avrebbe negato di conoscere l’identità della vittima.

Non è il primo migrante che tenta in questo modo di giungere in Italia: nelle ultime settimane, sono stati ritrovati molti altri migranti, che hanno cercato di sfruttare il traffico merci, per giungere nel nostro Paese attraverso i Balcani, in particolar modo provenienti dalla Serbia.

Alcune settimane fa, sono stati soccorsi 3 cittadini afghani, all’interno di un carro merci destinato ad un’azienda di Summaga di Portogruaro: un viaggio con un epilogo sicuramente più fortunato di quello toccato a questo migrante.

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Marta Lorenzon - Non è il primo migrante che tenta - in questo modo - di giungere in Italia, e non sarà neanche l'ultimo. Il "viaggio della speranza", così come lo hanno chiamato in molti, non è finito bene per questo ragazzo che, prima di essere un migrante, è una persona, ed una vita - ora - spezzata per sempre.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!