Iscriviti

Omicidio a Cirò Marina: fermato vicino di casa, tentato il linciaggio

Sembrerebbe essere arrivato ad una svolta l'efferato omicidio avvenuto nella notte dell'otto marzo a Cirò Marina, nelle vicinanze di Crotone. Fermato 50enne, vicino di casa della donna.

Cronaca
Pubblicato il 17 marzo 2017, alle ore 12:46

Mi piace
5
0
Omicidio a Cirò Marina: fermato vicino di casa, tentato il linciaggio
PubblicitĂ 

La sera dell’8 Marzo, Antonella Lettieri di 42 anni, è stata barbaramente assassinata con numerosi colpi alla testa. Ennesimo caso di femminicidio, proprio nella giornata della donna, in una sera particolare durante la quale in molte decidono di festeggiare questa ricorrenza. Per Antonella, purtroppo non è stato possibile e non lo sarà mai più.

A decidere il suo destino sembrerebbe essere stato un vicino di casa di 50 anni, Salvatore Fuscaldo, subito indagato insieme ad altre due persone. Il movente che ha condotto a questo folle gesto sarebbe da rincondurre ad una questione economica, al momento non meglio specificata.

Difficoltoso si è reso il trasferimento in carcere di Fuscaldo. L’uomo, una volta uscito dalla caserma dei carabinieri, si è trovato davanti una folla di gente radunata ad attenderlo per farsi giustizia da sola. Nella foga del momento sono riusciti ad infrangere il lunotto posteriore dell’auto dei carabinieri sulla quale veniva trasportato l’uomo. 

Il fermo sarebbe scattato nella notte di giovedì una volta arrivato il risultato delle perizie compiute dal Ris di Messina, alla presenza dei legali di parte, su alcune tracce di sangue ritrovate sulla vittima, nell’auto di Fuscaldo e sui suoi vestiti. Le indagini non si sono fermate, nonostante il fermo. Continuano in tutte le direzioni possibili tanto che, nei giorni scorsi, oltre a Fuscaldo, è stata indagata anche sua moglie e l’uomo che ultimamente frequentava Antonella Lettieri, questo anche per consentire loro di nominare propri periti.

L’unico punto fermo sembra essere il movente economico che ha portato ad un epilogo tanto tragico e terribile.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Cristina Giuli - Siamo stanchi ormai di leggere queste notizie, donne che vengono barbaramente uccise per futili motivi di gelosia e, in questo caso, per del vile denaro. Mi auguro che sia fatta presto giustizia e che si sciolgano tutti i dubbi che ancora persistono, in modo da far avere giustizia alla povera Antonella.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!