Iscriviti

Londra, soldato ucciso a colpi di machete, si batte la pista del terrorismo islamico

Un soldato britannico è stato decapitato da due uomini di origini nigeriane nella periferia sud est di Londra. Per la polizia si tratta di un attacco di matrice islamica.

Cronaca
Pubblicato il 23 maggio 2013, alle ore 09:27

Mi piace
0
0
Londra, soldato ucciso a colpi di machete, si batte la pista del terrorismo islamico

Orrore a Woolwich, nella periferia sud est di Londra, dove due uomini hanno prima investito con l’auto un militare britannico della vicina caserma della Royal Authority e poi si sono scagliati su di lui con una violenza inaudita, decapitandolo a colpi di machete e lasciando il corpo senza vita sulla strada.

I due assalitori, di origine nigeriana, sono stati feriti, catturati e trasportati in due ospedali di Londra, dove sono sotto custodia: uno dei due è in gravi condizioni.

La polizia intanto fa sapere che si tratterebbe di un atto legato al terrorismo islamico, e affermano che i due aggressori avrebbero invitato le persone presenti sulla scena a filmare l’omicidio: “Noi giuriamo sull’onnipotente Allah – farfuglia uno dei due assassini con le mani ancora sporche di sangue – che non smetteremo mai di lottare. Questo soldato britannico è un occhio per occhio, dente per dente. Mi scuso con le donne che hanno dovuto assistere a questa scena, ma nella nostra terra le nostre donne devono vedere le stesse cose. La vostra gente non sarà mai al sicuro. Mandate a casa questo governo, non si cura di voi”. Poi l’attacco al premier britannico: “Credete che David Cameron si farà trovare per la strada quando noi iniziamo a usare le nostre pistole? Voi pensate che i politici moriranno? No, morirà la gente comune, come voi, e i vostri bambini”. L’uomo infine si allontana e parla con un altro presunto aggressore. Nella sequenza successiva, si vede l’arrivo della polizia e i due vengono subito immobilizzati.

Secondo i messaggi circolanti su Twitter, non confermati da fonti ufficiali, uno dei killer si chiamerebbe Michael Adeboloja, lo scrive Abu Nusaybah, amico di infanzia dell’uomo: “Aveva cambiato nome in Mujahid dopo la conversione dal cristianesimo, era nato in Gran Bretagna”. “Ultimamente era cambiato, aveva imparato a memoria tanti versetti del Corano”, scrive Abu.

Il premier David Cameron ha definito l’accaduto “davvero sconvolgente” e ha convocato per domani il cosiddetto Cobra, il comitato di crisi di governo che rappresenta una prassi seguita solo nei casi che possono avere implicazioni sulla sicurezza nazionale.

“L’assassinio del militare a Londra è il delitto più spaventoso, una cosa mai successa prima e ci sono forti indicazioni che l’episodio sia collegato al terrorismo» ha aggiunto David Cameron in una conferenza stampa a Parigi, prima di incontrare il presidente francese Francois Hollande.

Immagine anteprima YouTube
Altri video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!