Iscriviti

Jesi: ragazzo di 19 anni “Accetto rapporti gay perchè disoccupato”

Un ragazzo di appena 19 anni ha dichiarato di aver accettato dei rapporti con altri uomini in cambio di soldi perchè disoccupato. La sua storia è emersa all'interno di un processo nel quale il giovane ha dovuto testimonare

Cronaca
Pubblicato il 23 ottobre 2014, alle ore 14:11

Mi piace
0
0
Jesi: ragazzo di 19 anni “Accetto rapporti gay perchè disoccupato”

Un ragazzo di 19 anni ha dichiarato di aver accettato dei rapporti sessuali con altri uomini in cambio di soldi dal momento che era disoccupato.

Rivelazioni molto importanti quelle di questo ragazzo di Jesi, che sta facendo molto discutere. “Mi proposero di fare sesso per soldi. Mi davano appuntamento fuori di casa del cliente che poi pagava anche 500 euro per una prestazione sessuale. E circa 100 euro spettavano a me” sono queste le parole di questo ragazzo.

Era partito dalla Campania alla volta delle Marche in cerca di lavoro. Il 24 dicembre stava tornando a casa quando due uomini lo hanno fermato e gli hanno proposto di prostituirsi per soldi. La cosa è durata per un po’ ed il ragazzo ha dichiarato di aver accettato circa 5 incontri. “Ero venuto nelle Marche a cercare lavoro perché la mia fidanzata di quell’epoca era di Cingoli. Prima di quel lavoro non avevo mai avuto rapporto omosessuali, come neppure rapporti a pagamento. Mi hanno proposto un lavoro e ho accettato facendo 4 o 5 incontri” ha continuato il giovane.

Il ragazzo ha anche testimoniato al processo contro questi uomini, che nel frattempo sono stati denunciati. Il ragazzo ha quindi esposto i fatti ma ha anche dichiarato di non aver mai ricevuto minacce e di aver accettato spontaneamente di prostituirsi per poter racimolare dei soldi dal momento che non aveva un lavoro in quel momento e quella gli era sembrata una buona soluzione.

Una storia davvero incredibile. Una storia di disperazione che ha finito per fare accettare ad un ragazzo di appena 19 anni degli incontri con altri uomini solo per poter avere qualche soldo in tasca, cosa che non riusciva a fare con un normale lavoro.

Adesso il processo è stato rinviato al 29 aprile e probabilmente il giovane dovrà nuovamente testimoniare.

Altri video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!