Iscriviti
Napoli

Ischia: ricatta con foto hard i suoi amanti. Aperta un’inchiesta

Con "l'onorevole" scopo di vendicare le mogli tradite, diffonde materiale hard con protagonisti, oltre a lei, avvocati, ingegneri, medici, e insegnanti. Possiamo immaginare le conseguenze di questo gesto.

Cronaca
Pubblicato il 17 febbraio 2017, alle ore 19:54

Mi piace
8
0
Ischia: ricatta con foto hard i suoi amanti. Aperta un’inchiesta
Pubblicità

Una 40enne del posto, sulla quale la polizia di Ischia ha aperto un’inchiesta, è indagata per essersi resa protagonista di molestie e anche ricatti a danno di decine di uomini sposati, con la minaccia di rendere pubbliche alcune foto hard salvate sul suo cellulare. Le vittime della “stalker seriale” sono persone in vista: ingegneri, avvocati, medici, e insegnanti.

La Polizia sta indagando anche su un possibile complice, reo di aver aiutato la donna a tenere sotto scacco le sue vittime. La 40enne, che si è autodefinita “vendicatrice di mogli tradite”, contattava i traditori attraverso profili fake. I reati contestati alla coppia diabolica sono stalking e sostituzione di persona, diffamazione e divulgazione di materiale pornografico, fino ad arrivare all’estorsione.

Mentre la vendicatrice era in crociera assieme al marito, le sono stati sequestrati smartphone e tablet. Proprio all’interno di questi sistemi, si troverebbero le prove dei suoi reati. La donna richiedeva e otteneva, tramite i profili falsi, l’amicizia di esponenti della “Ischia bene”, e riusciva a farsi inviare da loro foto compromettenti, usando maniere ammiccanti ed esplicite di sesso virtuale. Ottenute queste foto, scattava il ricatto, minacciando la divulgazione anche su internet.

Un piano ingegnoso e diabolico, ma forse non perfetto: infatti, qualche sua vittima si deve essere ribellata a questa rete di minacce. Pur rischiando la diffamazione e la probabile fine della sua vita coniugale, ha deciso di denunciare la donna.

Chissà se le mogli malcapitate daranno la colpa a lei, oppure penseranno che è stato loro reso un favore, rendendo pubblica la propensione dei propri mariti a commettere qualche scappatella, seppur virtuale.

Quello che è certo è che gli uomini coinvolti ci penseranno su molte volte prima di accettare di nuovo un’amicizia virtuale (non si sa davvero mai con chi si ha a che fare). Per il resto, chissà, forse tante donne sarebbero curiose di sapere (o forse no!) come avrebbero affrontato i loro mariti questa situazione “piccante”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Cristina Giuli - Il fatto di credersi una "vendicatrice di mogli" ha senz'altro dato un ottimo alibi a questa "donna", nel convincersi di fare anche buone azioni utili alla società. Senza dubbio, avrà anche pensato che i soldi "guadagnati" in questa maniera rappresentino la giusta ricompensa per il suo lavoro. Insomma, ad ognuno lasciamo giudicare questa situazione come meglio crede, anche se penso che certi limiti non andrebbero superati. E con questo, intendo i limiti della legalità, e anche quelli dell'onestà e della fedeltà che dovrebbero esserci in una coppia.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!