Iscriviti

Il padre dei due marocchini stupratori: “Usciranno fra due anni, avranno una famiglia felice"

Mohamed ha rilasciato ai microfoni di Matrix alcune intollerabili e vergognose dichiarazioni in merito alla vicenda giudiziaria che vede coinvolti i due figli facenti parte del branco di stupratori di Rimini.

Cronaca
Pubblicato il 13 settembre 2017, alle ore 15:00

Mi piace
6
0
Il padre dei due marocchini stupratori: “Usciranno fra due anni, avranno una famiglia felice"
Pubblicità

Mohamed, il padre dei due marocchini facenti parte del branco autore degli stupri di Rimini, ha rilasciato ai microfoni di “Matrix” – il programma condotto da Nicola Porro su Canale 5 – alcune insopportabili dichiarazioni in merito alla vicenda giudiziaria che vede come protagonisti i figli: “Faranno due o tre anni di carcere poi usciranno puliti, si potranno fare una famiglia e vivere tranquilli“.

Mohamed –  agli arresti domiciliari per furto – ha aggiunto di essere comunque dispiaciuto per quella ragazza polacca – ignorando completamente la trans che probabilmente per lui non merita neppure una menzione –  ma ha asserito che i suoi i figli non avranno più certe compagnie, ed hanno capito quello che è successo, d’ora in poi, si comporteranno bene.
Reflusso nel passato da dimenticare, quando la violenza sessuale era, per il Codice Penale, un delitto “contro la moralità pubblica e il buon costume”: il padre parla come se i figli avessero compiuto una marachella alcolica in una serata estiva, un errore, trascurabile, nel percorso della vita.

Il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, ha sentenziato che le parole del padre sono vergognose, “indicative di come l’uomo significa non abbia compreso per nulla la gravità e l’orrore delle violenze” e che quelle frasi, oltre ad evidenziare un inquietante contesto famigliare, culturale, morale, sono inaccettabili per le tre persone oggetto della violenza, della crudeltà inaudita.

Gnassi ha affermato: “Le parole di quel genitore a Matrix potrebbero portare ancora più acqua a un mulino che ormai macina a pieno regime diffidenza, paura, rifiuto, strumentalizzazioni di ogni tipo”.

Il sindaco ha sottolineato che quelle frasi fanno comprendere la totale incapacità di comprensione da parte dell’uomo dello Stato di diritto che è governato da Costituzioni e leggi che producono effetti, conseguenze, responsabilità: non capire dimostra, quindi, la totale assenza di empatia con quelle persone cui è stata brutalmente rovinata la vita.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Chiara Lanzini - Agghiacciante manifesto di una situazione culturale degradata e retrograda per cui la violenza sessuale è un atto delinquenziale come altri, come rubare al supermercato, una marachella, un semplice errore: scardinare lo stupratore dalle implicazioni psicologiche e attitudinali peculiari è un errore che rischia di far assimilare nuovamente l'atto alle altre tipologie di reato. Uno stupratore tende a rimanere tale tutta la vita.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!