Iscriviti

‘Grandi del calcio’ nel mirino delle Fiamme Gialle: evasione e fatture false

E' in esecuzione un provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica di Napoli che vedrebbe indagate più di 60 persone, tra cui calciatori, procuratori e dirigenti di società sportive.

Cronaca
Pubblicato il 26 gennaio 2016, alle ore 12:19

Mi piace
1
0
‘Grandi del calcio’ nel mirino delle Fiamme Gialle: evasione e fatture false
Pubblicità

Da alcune ore i militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza stanno eseguendo provvedimenti di sequestro sui conti correnti degli indagati, tra i quali figurerebbero anche ben 33 calciatori e minerebbe la credibilità di importanti procuratori calcistici e di dirigenti di alcune prestigiose società calcistiche.

Dalle indagini sarebbe emerso che gli imputati, che si aggirano intorno alle 64 persone, negli anni tra il 2009 ed il 2010, avrebbero commesso vari reati tributari. E’ di pochi minuti fa la notizia, trapelata da fonti interne alla sede del Milan, che i militari delle Fiamme Gialle stiano effettuando una perquisizione nella sede ufficiale della famosa squadra italiana che si sono presentati alle porte della sede centrale verso le 8:30 di questa mattina, annunciando la perquisizione.

Dagli ultimi risvolti e secondo voci fondate, al momento il numero degli indagati sarebbe salito a 101 e il numero di società di calcio professionistico coinvolte si aggira intorno alle 35, sia appartenenti al campionato di Serie A che di Serie B. L’ipotesi di reato avanzata è di “dichiarazione fraudolenta mediante l’uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, dichiarazione infedele, omessa dichiarazione, emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti”.

Sono oltre 12 i milioni di euro sequestrati fino ad ora a diversi calciatori; l’operazione in atto in tutta Italia ha preso il nome, quantomai calzante, di Operazione Fuorigioco, che ha avuto inizio da un’indagine su presunte violazioni fiscali e penali commesse ad alcune società che avevano come oggetto l’acquisizione dei diritti alle prestazioni sportive di alcuni calciatori, invece gli inquirenti si sono trovati tra le mani una ben più grande operazione, che sembra stia per concludersi.

La Guardia di Finanza ha acquisito per mesi documentazioni alla FIGC e chilometri di intercettazioni che sono sfociate – oggi – nei controlli e nei sequestri. Tutto il mondo sportivo – e dei tifosi in particolare – si augura che si riesca finalmente a mettere la parola fine agli imbrogli fiscali che troppo spesso avvengono in questo campo, che comprende alcune tra le persone più pagate al mondo.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Gaetano De Paola - Non basta prendere decine di milioni di euro all'anno per "giocare", no... devono anche non dichiarare nulla al fisco e rubare con fantomatiche ricevute e fatture false. Non so più cosa pensare del mondo calcistico. Per fortuna ci sono le intercettazioni della Guardia di Finanza che - questa volta - pare abbia scelto il bersaglio corretto. Spero che capiscano che bisogna controllare le società che fanno girare miliardi di euro e non le persone comuni che non hanno pagato il bollo della macchina, reato anche questo, ma secondo me di una gravità nettamente minore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!