Iscriviti
Napoli
scrivi

Bullismo: foto shock su Facebook, i colpevoli non sono imputabili

Ennesima vittima del bullismo, il padre decide di pubblicare la foto su Facebook. Identificati i colpevoli che però non possono essere imputati per il reato commesso.

Cronaca
Pubblicato il 20 marzo 2017, alle ore 11:11

Mi piace
11
Preferiti
0
Bullismo: foto shock su Facebook, i colpevoli non sono imputabili
Pubblicità
Interessi da seguire
  • correlati
  • commenti

Un giorno come tanti, un venerdì pomeriggio in una Napoli che aspetta il week end per godersi un po’ di tranquillità. Anche Fabio, il ragazzino di 13 anni protagonista di questa triste storia, probabilmente stava organizzando il suo fine settimana passeggiando per le vie di Mugnano insieme ad un suo amico, quando vengono accerchiati da 5 ragazzni tra i 12 e i 13 anni.

Cominciano a schernire pesantemente Fabio, mentre lui ed il suo amico cercano di evitare lo scontro chiedendo di essere lasciati in pace. Ma il branco non li ascolta e comincia ad accanirsi su Fabio con calci e pugni, pensando di non arrecare segni visibili. Così non è stato ed i segni dell’aggressione sono ben visibili e profondi, come quelli che rimaranno per molto tempo nella sua anima. L’amico assiste alla scena senza poter fare nulla ma, dal lato psicologico, subendo anche lui questa violenza.

Una volta giunti a casa e raccontanto tutto al padre, questi non ci pensa su nemmeno un istante e si reca, insieme al figlio, dai Carabinieri per denunciare il fatto. Non contento di questa tempestiva reazione, pubblica anche la foto del viso di suo figlio tumefatto sui social, denunciando ad alta voce quello che era successo. Prega tutti di condividere il più possibile la foto “perché quello che oggi è successo a mio figlio non deve e non dovrà accadere a nessuno. E mi raccomando, denunciate perché gli autori di tali soprusi non devono passarla liscia”.

In molti lo hanno ascoltato e la foto è diventata presto virale, portando con sé molti messaggi di solidarietà. L’unica voce fuori dal coro è quella della presidente della Società Europea di Psichiatria, che “sconsiglia di esporre così il 13enne vittima di bulli”, divulgando il suo volto ferito sui social.

Il caso è già risolto, il branco è stato identificato, ma grazie alla loro tenera età non potranno essere puniti, in quanto la legge italiana funziona così: sotto i 14 anni non si è punibili e non sono presi in considerazione neppure i servizi socialmente utili.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Cristina Fenice - La violenza subita da Fabio rimarrà per sempre segnata nella sua anima. Il gesto del padre che pubblica la sua foto su Facebook è un segnale forte contro il bullismo, ma spero che non apporti altro danno al ragazzino già fortemente provato. La cosa lascia l'amaro in bocca è il fatto che la legge non possa punire questi teppisti, e sperare che possano trovare una giusta punizione all'interno della famiglia, credo rimanga un'utopia. Speriamo possano almeno risvegliarsi le coscienze della società.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!