Iscriviti
scrivi

Manchester By The Sea: quando il cinema esplora la sofferenza umana

Alla sua terza regia, Kenneth Lonergan ci racconta una storia dall'intreccio narrativo spontaneo volto ad indagare, ma non troppo, la sofferenza e la tragedia vissuta da un uomo che non sa come liberarsi da una ferita indelebile della sua coscienza.

Cinema
Pubblicato il 19 febbraio 2017, alle ore 22:48

Mi piace
8
Preferiti
0
Manchester By The Sea: quando il cinema esplora la sofferenza umana
Pubblicità
  • correlati
  • commenti

Manchester By The Sea ha carattere da vendere e affonda le sue radici in una struttura narrativa solida e intensa, volta a fornire allo spettatore una proiezione intima e straziante di ciò che è la sofferenza umana: qualcosa che può colpirci e cambiare la nostra vita da un momento all’altro, prorompendo fatalmente come un fulmine a ciel sereno. 

Lee Chandler (Casey Affleck) è un idraulico e portiere-tuttofare di Quincy (Massachussets) che conduce un’afasica esistenza, tra sbronze e risse nei pub e difficoltà di interazione sociale. Tuttavia l’improvvisa morte del fratello Joe (Kyle Chandler), affetto da cardiopatia degenerativa, lo costringe a fare ritorno nella piccola e fredda città natale di Manchester-by-the-sea, affrontando le relative faccende burocratiche e scoprendo dal testamento di essere stato eletto per volontà del fratello come tutore di suo nipote Patrick (Lucas Hedges).

Casey Affleck è monumentale. Silenzioso, freddo, brusco e misterioso. Un uomo che si emargina da sé, rendendosi incapace di accogliere come si deve le opportunità che gli si parano davanti e reagendo di conseguenza con repentini attacchi d’ira. Potrebbe dare una svolta alla sua vita, così come in molti sembrano riuscirci ricominciando tutto da capo. Tuttavia non è facile come sembra guardare dritto in faccia il proprio passato e cambiare il corso degli eventi con un semplice schiocco delle dita.

Affleck altro non è che una perfetta concentrazione di tensione e rabbia repressa, pronta ad esplodere da un momento all’altro; alla continua ricerca di un cammino catartico che possa liberarlo dalla sua misera condizione.

Attraverso un ritmo meccanico e montaggi alternati con flashback, inseriti egregiamente in scene di spessore, il regista Kenneth Lonergan si avvale di una storia dall’andamento rilassato, quasi pigro, in continuo bilancio tra il passato e il presente; al fine di attenuare la gravità degli eventi tramite l’intimità del rapporto tra nipote e zio, incluse le relative difficoltà. Un rapporto complicato che sembra deteriorarsi, ma a volte sul punto di ricostruirsi in favore dell’umana comprensione.

Michelle Williams, nei panni della ex-moglie del protagonista, riconferma il suo talento stravolgendo qualsiasi convenzione espressiva ed accentuando i toni con una più che severa tragicità; spiazzando letteralmente lo spettatore anche grazie a una singola scena. Lucas Hedges stupisce per una prestazione convincente e impegnata nei panni del nipote Patrick, custode di un dolore lacerante per la morte del padre, ma al contempo dimostrandosi apparentemente stabile.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Andrea Indovino - Candidato a sei premi Oscar, "Manchester By The Sea" ha la grazia di saper coinvolgere lo spettatore in una storia dai ritmi decisamente e intenzionalmente smorzati; indirizzandoci in una città fredda e silenziosa, in cui nessuno sembra cogliere i veri bisogni dell'altro e incappando di conseguenza in evidenti difficoltà di interazione e di riconciliazione. Quest'ultima, infatti, è una tematica fondamentale del film, in quanto una riconciliazione con se stessi e con chi ci sta accanto può soltanto causare l'effetto benefico di scacciare via colpe e tragedie personali.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!