Iscriviti

Champions League: Barcellona 6 PSG 1. Un miracolo sportivo qualifica i blaugrana

Spettacolo al Camp Nou, dopo aver perso 4-0 all'andata, il Barça compie l'impresa e vince per 6-1 al ritorno ottenendo così la qualificazione ai quarti di Champions League

Calcio
Pubblicato il 8 marzo 2017, alle ore 23:44

Mi piace
4
0
Champions League: Barcellona 6 PSG 1. Un miracolo sportivo qualifica i blaugrana
Pubblicità

Questa sera è avvenuto un miracolo sportivo, uno di quelli che è difficile anche solo spiegare.

Il Barcellona, che davano tutti per spacciato, dopo aver perso all’andata per 4-0 contro il PSG, aveva bisogno di un’impresa sportiva; per molti, infatti, la gara di ritorno – per la squadra francese – doveva essere solamente una formalità.
Ma non è stato così.

Il bello del calcio si è visto questa sera, con il Barcellona che è riuscito a fare ben 6 gol al PSG (due gol allo scadere) e riesce a qualificarsi; dopo aver subito – sul 3-0 a favore – il gol che avrebbe “spezzato le gambe” a qualsiasi squadra al mondo, perchè erano necessari altri 3 gol per poter passare il turno.
Gol che sono arrivati nel giro di 7 minuti, dall’88esimo al 95esimo!

La partita è stata rimontata soprattutto grazie a Neymar, che nel finale si è scatenato, regalando alla squadra il gol della speranza (il 4-1) e poi il gol del 5-1 su calcio di rigore, segno di grande personalità per il brasiliano.

Ma veniamo alla cronaca della partita: nel primo tempo, il Barcellona la porta subito sull’1-0, con un colpo di testa di Luis Suarez che non lascia scampo al portiere francese Trapp.
La partita, anche a causa del gol realizzato dal Barça nei primi minuti – al 3° – risulta molto nervosa, e ci sono molte ammonizioni da un lato e dall’altro. Il Barcellona continua ad attaccare per cercare il gol che possa riaprire davvero il match e, dopo diversi tentativi, ci pensa Kurzawa a segnare nella rete sbagliata, anche se l’autogol deriva da una vero e proprio tocco sfortunato, in virtù di una “magia” di tacco di Iniesta, sulla linea di fondo campo.

Il secondo tempo è spettacolare ed inizia subito con il 3-0 del Barça, con un rigore che viene procurato da Neymar e realizzato da Leo Messi. Il Barcellona ci crede ancora di più, e continua ad attaccare, poiché un altro gol significherebbe poter giocarsela ai supplementari che, fino ad un’ora prima, sembravano davvero impossibili.

Ma la “remuntada” dei blaugrana sembra sfumare quando il PSG riesce a segnare il gol del 3-1, con Cavani che – con il destro – dentro l’area di rigore, riesce a spiazzare il portiere Ter Stegen. Sembra finita, occorrono 3 gol, i tifosi smettono di cantare ed i giocatori non attaccano più con la stessa intensità, ed i ritmi si abbassano notevolmente.

Ma dall’88esimo al 95esimo accade il “miracolo sportivo”: Neymar segna una punizione magistrale da 25 metri – all’88esimo -, due minuti dopo un secondo rigore, procurato da Suarez e questa volta realizzato da Neymar; infine, al 95esimo minuto, la beffa finale per il PSG, per opera di Sergi Roberto che, servito da un lungo lancio, riesce ad insaccare Trapp.

Un tennistico 6-1 che ha un sapore di beffa per i francesi mentre, per la squadra spagnola, si tratta di un’impresa mai realizzata prima. 

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Emanuele Novizio - Questa sera è successo un miracolo sportivo. Partita spettacolare, con un Barcellona che ha regalato una qualificazione inaspettata dinanzi ai propri tifosi, poiché era ritenuta spacciata per via del risultato di andata (4-0). Gran merito è del Barcellona, che ha tenuto in costante apprensione la difesa dei francesi, ma il demerito è anche del PSG che, oltre al gol-speranza di Cavani, non è mai riuscito a rendersi pericoloso davanti al portiere avversario Ter Stegen, pensando a chiudersi senza attaccare e, certe volte, queste scelte si pagano.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!