Iscriviti

L’Irlanda è il paese più in forma del mondo

Secondo la società statunitense Fitbit, l’Irlanda sarebbe il Paese più in forma del mondo. Per arrivare a tale conclusione, la società che produce fitness tracker ha messo sotto la lente una serie di dati. Vediamo quali

Benessere
Pubblicato il 8 giugno 2017, alle ore 18:16

Mi piace
19
0
L’Irlanda è il paese più in forma del mondo
Pubblicità

Per Fitbit Inc., popolare azienda statunitense dedita alla produzione di fitness tracker e app per lo sport e il benessere, il Paese più in forma del mondo sarebbe l’Irlanda. Dietro all’Isola di Smeraldo troveremmo il Regno Unito, la Svezia ed infine i Paesi Bassi.

L’indagine conclusa dalla società di San Francisco fondata da James Park è arrivata a tale conclusione elaborando una serie di dati acquisiti da circa 20 milioni di utenti sparsi un po’ in tutto il mondo. La singolare classifica è stata stilata tenendo conto di parametri come la durata del sonno, i passi quotidiani, i gradini saliti, i minuti di attività fisica e la frequenza cardiaca a riposo. Incrociando questa immensa mole di dati, i migliori risultati sono stati conseguiti proprio dagli irlandesi.

Gli italiani, occupando la quindicesima posizione, risultano invece decisamente più attardati. Se l’Italia si dimostra ancora pigra e restia nel dedicarsi all’attività fisica, risulta comunque messa meglio di altri paesi come la Repubblica Ceca, il Portogallo, il Giappone, il Canada e la Francia.

Per assurdo la patria che ha dato i natali a Fitbit  – gli Stati Uniti –  occupa addirittura la posizione numero ventotto, tra le altre cose dietro anche a Israele e Argentina.

Grazie ai tracciatori di attività wireless e ai dispositivi indossabili prodotti dalla società californiana, si è anche potuto apprendere che il popolo che cammina di più in assoluto è quello spagnolo. In questo caso la media è di 8.292 passi giornalieri. Il paese dove si dorme di più e meglio è invece il Regno Unito. Qui la durata media del sonno è pari a 7 ore e 14 minuti.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Antonio Sorice - Quello di Fitbit altro non è che una elaborazione di una molteplicità di informazioni. Parliamo di numerosi dati forniti da 20 milioni di utenti che hanno deciso di acquistare i dispositivi della casa californiana. Chiaramente i risultati non rappresentano per intero tutti i cittadini di ogni Paese, ma semplicemente una piccola parte, ovvero solo coloro che hanno comprato i fitness tracker della Fitbit. Siamo quindi di fronte ad un campione che a seconda dei casi potrà più o meno essere rappresentativo del fenomeno analizzato.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!