Iscriviti

NBA, 25 febbraio 2017: Golden State vince il testacoda contro i Nets

I Warriors vincono facilmente la partita da testacoda contro i Brooklyn Nets, mentre gli Houston Rockets distruggono i Minnesota Timberwolves con 142 punti messi a segno durante la partita.

Basket
Pubblicato il 26 febbraio 2017, alle ore 13:18

Mi piace
8
0
NBA, 25 febbraio 2017: Golden State vince il testacoda contro i Nets
Pubblicità

Nella notte della NBA di sabato 25 febbraio 2017 si sono disputate otto partite, tra le quali era in programma la sfida-testacoda tra i Golden State Warriors ed i Brooklyn Nets, una partita che non ha avuto storia.

I Warriors hanno sempre controllato la partita ed i Nets non hanno potuto fare altro che assistere alla vittoria dei capo classifica per 112 a 95. Nei Golden State Warriors, Stephen Curry realizza una prestazione da 27 punti, 5 assist e 5 rimbalzi, mentre Klay Thompson mette a referto 24 punti, 4 assist e 4 rimbalzi.

Gli Houston Rockets a più riprese si fanno rimontare dai Minnesota Timberwolves, tanto che in certi istanti della gara i Wolves sembrava avessero la possibilità di portarsi in vantaggio ma, con una prestazione super in attacco, Houston vince per 142 a 130, con un grande show e con otto giocatori che vanno a segno in doppia cifra. Tra questi c’è James Harden, che realizza 24 punti, 10 assist e 5 rimbalzi mentre, nei Minnesota Timberwolves, Karl-Anthony Towns marca una prestazione mostruosa da 37 punti, 22 rimbalzi e 3 assist: una prova che non passa affatto inosservata.

I Cleveland Cavaliers vengono sconfitti (99-117) clamorosamente in casa dai Chicago Bulls, formazione che da anni pare trovarsi più a suo agio in trasferta che in casa, anche se la formazione è cambiata radicalmente nel corso degli anni.

Per i Bulls è una vittoria che serve a dare fiducia alla squadra, mentre i Cavaliers impattano in un passo falso del tutto inaspettato e che fa male alla loro classifica, nonostante i Cavs rimangano primi nella loro Conference.

Nei Bulls, Dwyane Wade mette a segno ben 20 punti, 10 assist e 9 rimbalzi mentre, nei Cleveland Cavaliers, Kyrie Irving segna 34 punti, 9 rimbalzi e 7 assist.

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Claudio Bosisio - I Warriors continuano ad imporsi contro ogni avversario, non è così invece per i Cleveland Cavaliers, capolisti della Eastern Conference, i quali vengono surclassati in casa dai Chicago Bulls: i Cavaliers lasciano aperta ai Boston Celtics, lontani tre vittorie dalla vetta, e mettono un po' in preoccupazione i loro sostenitori per le prestazioni altalenanti che ultimamente stanno mostrando sul parquet. C'è ancora molto tempo per giocare partite decisive ed i Cavs dovranno inanellare una striscia di partite abbastanza importante per impaurire gli avversari diretti della Conference.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!