Iscriviti

Toyota ha sviluppato la sua prima auto a guida autonoma

Nel corso di alcune dichiarazioni rilanciate da Yahoo, Gill Pratt - responsabile del centro ricerche Toyota - ha annunciato il varo di 2 progetti di auto a guida autonoma: Gulliver (di 4° livello), e Chauffeur (di 5° livello). Eccone i dettagli.

Auto
Pubblicato il 7 marzo 2017, alle ore 00:29

Mi piace
10
0
Toyota ha sviluppato la sua prima auto a guida autonoma
Pubblicità

Appena un paio di mesi fa, Toyota non sembrava essere interessata all’argomento delle auto a guida autonoma. Tuttavia, i recenti progressi fatti all’interno del suo centro di ricerca dimostrano che, in realtà, la casa automobilistica di Aichi è decisamente “sul pezzo”, con 2 soluzioni di differente livello.

Ai primi di GennaioGill Prattresponsabile del Research Institute di Toyota – dichiarò che non si era nemmeno vicini alla vera auto a guida autonoma: considerando quanto poco l’uomo tolleri gli errori derivanti dalla costruzione di un’automobile, è verosimile che, ancor meno, tollererebbe quelli dell’intelligenza artificiale.

Quest’ultima, applicata alle auto, ha bisogno di “farsi le ossa” con migliaia di chilometri di test in tutto il mondo: solo allora, concludeva Pratt, si potrà arrivare al livello 5 di guida autonoma, in cui l’intervento umano non è mai richiesto, a prescindere dalla circostanza, o dal tipo di manovra da farsi. 

In realtà, lo scenario è meno cupo di come Pratt – abile nel gioco del depistaggio – lo dipingeva in quell’occasione. Toyota, sin dal 2015, ha investito svariati miliardi di dollari nel suo Research Institute, che si occupa di intelligenza artificiale applicata alla domotica, ed all’automotive.

E i risultati si iniziano vedere: la casa nipponica, dopo aver dotato una sua Lexus LS 600HL di un sistema LIDAR (telecamere e sonar con funzione di radar, per creare una riproduzione 3D dell’ambiente circostante), avrebbe sviluppato due diversi percorsi di guida autonoma.

Il primo si chiama Gulliver, ed è quello destinato a sbarcare per primo sul mercato: in sostanza, si tratta di un sistema di guida autonoma di 4° livello, che limita l’autonomia ad alcune aree e, per il resto, richiedendo sempre che il conducente rimanga vigile, si occupa di fornire assistenza nel completare alcune manovre (es. il sorpasso, il parcheggio).

Diversamente, Chauffeur è un sistema autonomo di 5° livello, in cui sarà possibile impostare la destinazione e, proprio come appunto nel caso di uno chauffeur umano, lasciarsi scarrozzare verso la medesima: va da sé che, in questo caso, Pratt aveva davvero ragione, dacché questo sistema automotive è destinato a sbarcare sul mercato ben più in là del “fratello minore”.

Ambedue i sistemi, in ogni caso, come dichiarato a Yahoo, faranno ampio uso del deep learning, in modo che i veicoli imparino a conoscere le abitudini e le abilità di guida dei conducenti, e possano trarre ulteriori benefici dalla condivisione dei dati, con gli altri veicoli autonomi, sia attingendo a comuni banche informative, sia tramite un diffuso sistema di condivisione e connettività che collegherà tutti i veicoli dotati di intelligenza artificiale. 

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - Mi sembrava strano che, in un settore in cui tutti guardano ad almeno uno dei livelli della guida autonoma (in totale, sono 5), Toyota - leader indiscussa delle auto ecologiche ed ibride - se ne disinteressasse. In realtà, era solo un modo per non sentire il fiato sul collo dei concorrenti, e poter lavorare con calma su questo ambito di ricerca: come accennato, ormai i tempi sono maturi, e Toyota ha potuto comunicare al mondo il suo "stato dell'arte" in tema di guida autonoma. Speriamo che le conclusioni cui sono giunti possano presto essere messe in pratica, a favore di una guida più sicura.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!