Iscriviti

Test in Francia e Finlandia per la Hyundai i20 WRC

In vista del Mondiale Rally 2014 Hyundai Motorsport continua l’intenso programma di test della Hyundai i20 WRC, con tre test-driver impegnati nello sviluppo del prototipo: Juho Hänninen, Bryan Bouffier e Chris Atkinson

Auto
Pubblicato il 30 settembre 2013, alle ore 07:48

Mi piace
0
0
Test in Francia e Finlandia per la Hyundai i20 WRC
Pubblicità

Procede con continui progressi l’attività di testing di Hyundai Motorsport sulla nuova Hyundai i20 WRC in fase di preparazione al Mondiale di Rally WRC 2014. I tre piloti che HMS ha arruolato per questa fase di sviluppo, Juho Hänninen, Bryan Bouffier e Chris Atkinson, hanno già messo alla prova la Hyundai i20 WRC sui tracciati più diversi, valutandone le prestazioni in ogni condizione di guida. La squadra ha eseguito due iniziali sessioni di test a luglio per verificare il comportamento della vettura in vista del Mondiale Rally 2014. Il programma è poi proseguito in agosto con test su asfalto e sterrato in Francia e Finlandia.

Dopo questi primi, intensi giorni di prove siamo in grado di apprezzare ed analizzare le performance e le potenzialità della nuova i20 WRC in varie e differenti condizioni” spiega il Team Principal di Hyundai Motorsport Michel Nandan. “Le criticità che si sono presentate, come in ogni test iniziale che si rispetti, sono già state analizzate e risolte. Le prime prove si sono svolte a Chateu Lastours e Mazamet nel Sud della Francia, due location dalle condizioni completamente differenti, in grado di mettere alla frusta la vettura in percorsi tortuosi e su percorsi veloci e scorrevoli. Per perfezionare le prove su asfalto, il team ha continuato i test, dal 12 al 16 agosto, nella regione del Vosges in Francia. Siamo molto soddisfatti dei positivi risultati raggiunti grazie alla collaborazione e all’impegno di Juho, Bryan e Chris, i nostri tre piloti professionisti”.

Credo che questo test ci abbia fornito una buona base da cui partire“, ha aggiunto Bryan Bouffier: “Le strade nella regione del Vosges permettono di valutare alcune componenti chiave e di identificare le reazioni della i20 WRC su strada. Sono molto soddisfatto del comportamento della vettura anche nei tratti guidati ad alta velocità. Naturalmente continueremo a lavorare su alcuni particolari, ma nel complesso l’auto è molto ben bilanciata e facile da maneggiare”.

Dal test sull’asfalto il team, composto solo dal pilota finlandese Juho Hänninen e da Bouffler, si è poi trasferita in Scandinavia per affrontare gli sterrati che caratterizzano il Rally di Finlandia, uno dei percorsi tecnicamente più difficili del Campionato del Mondo di Rally.

In Finlandia abbiamo utilizzato un prototipo-evoluzione della vettura, differente da quella usata in Francia”, ha spiegato Michel Nandan. “Abbiamo applicato alcune modifiche importanti alla carrozzeria della i20 WRC cercando di migliorarne ulteriormente l’aerodinamica. Da qui ci siamo poi concentrati alla ricerca di un equilibrio, una stabilità ed una tenuta di strada da mantenere anche ad alta velocità e in occasione dei salti. Infine, sono state sviluppate nuove soluzioni per garantire il miglior set-up possibile per il prossimo anno”.

Juho Hänninen ha aggiunto: “Sono rimasto molto sorpreso da come sono riuscito a gestire la vettura dopo il primo test. Solitamente, quando si gareggia in Finlandia per la prima volta, si hanno problemi alle sospensioni. Questa volta è invece filato tutto liscio sin dal primo giorno: abbiamo solo provveduto ad una messa a punto con piccoli accorgimenti. La vettura ha reagito bene ad ogni cambiamento durante tutti i cinque giorni di test. Ho trovato un certo feeling con la vettura, ogni giorno progressivamente migliore”.

Con sessioni di test programmati quasi ogni due settimane, Hyundai Motorsport affronta ora il periodo più intenso dello sviluppo in vista del debutto nel Mondiale Rally FIA. Inoltre, il team tecnico di Hyundai Motorsport di Alzenau, in Germania, continua a lavorare per perfezionare le prestazioni della Hyundai i20 WRC: gli ultimi test sono stati fondamentali nel trovare il migliore assetto di componenti meccaniche fondamentali quali le sospensioni.

Altre notizie interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!