Iscriviti

Kia Picanto: la terza generazione è aggressiva, comoda, e hi-tech

La casa automobilistica coreana Kia ha, da poco, presentato la terza generazione della Picanto, la sua mitica city car che, da oggi, pur nella stessa lunghezza del modello precedente, vanta più comodità, tecnologia, e design aggressivo.

Auto
Pubblicato il 25 maggio 2017, alle ore 19:29

Mi piace
19
0
Kia Picanto: la terza generazione è aggressiva, comoda, e hi-tech
Pubblicità

Di recente, la casa automobilistica coreana Kia ha reso disponibile la terza generazione della sua celebre city car “Picanto” che, oggi, è più aggressiva nell’aspetto, ma anche più comoda, sicura, e tecnologica. Il tutto ad un prezzo davvero accessibile, e con molti allestimenti disponibili. 

Picanto è un brand di successo nato nel 2004 con forme molto rassicuranti ma che, a partire dal 2011 (2° gen), ha avviato una rivisitazione stilistica all’insegna dell’aggressività che, ora, ha avuto il suo pieno compimento, appunto con la terza generazione: quest’ultima, sul frontale, esibisce una mascherina “a naso di tigre” che, ai lati, si estende idealmente nei gruppi ottici, mentre – allo stesso tempo – fa da cappello alla griglia inferiore, generosa come ai vecchi tempi, destinata al raffreddamento dell’unità propulsiva.

Quest’ultima prevede diverse scelte, sempre a benzina: si parte dal 3 cilindri 1.0 da 67 cavalli vapore, per arrivare al 4 cilindri 1.2 da 84 cavalli vapore, senza dimenticare che – dopo l’estate – arriverà anche l’1.0 TGDI da 100 cavalli vapore e, in autunno, la versione alimentata a GPL, per consumi più contenuti, ed un impatto più ecologico sulla mobilità collettiva. 

Tornando alle virtù della nuova Kia Picanto, edizione 2017, terza generazione, oltre all’aggressività ed alla possibilità di scegliere diverse motorizzazioni, vi è anche la comodità: benché l’auto sia sempre lunga 3.59 metri, l’interasse è aumentato di 15 mm, tanto che – stando stretti – ci stanno ben 5 persone. Il bagagliaio, complice un sistema di doppio fondo, arriva a 255 litri, e può essere espanso ancor di più, grazie al fatto che il divanetto posteriore, diviso, è abbassabile, in modo da consentire carichi ancor maggiori. Sempre all’insegna del comfort, si segnalano degli ammortizzatori la cui regolazione è stata rivista, una frizione più leggera, uno sterzo più diretto e più comunicativo, ed un motore che viene silenziato a dovere. Volendo, è anche possibile citare, allo scopo, i sedili in pelle (disponibili con l’allestimento G-Line).

L’elettronica al servizio della sicurezza non manca. Il sistema di guida assistiva di bordo prevede il controllo di stabilità, per tamponare le temporanee perdite di controllo, il cruise control per regolare in automatico la velocità dell’auto, la telecamera ed i sensori posteriori, per parcheggiare e far manovra negli spazi stretti. Oltre a questo, l’innovazione fa sentire la sua presenza, nella terza generazione della Kia Picanto, anche grazie all’infotainment touch da 7 pollici, con Bluetooth, compatibilità con smartphone Android e iOS (per gestirli senza doverli impugnare), porta USB, ed uscita AUX. Non manca nemmeno la possibilità di ricarica wireless per i propri device mobili, con buona pace dei cavetti che, spesso, non si riesce a trovare. 

La nuova Kia Picanto è disponibile, presso gli appositi rivenditori, con un prezzo parametrato sull’allestimento scelto: per questa ragione, chi vuol risparmiare, può puntare sull’allestimento base, il City (vernice metallizzata, e frenata di emergenza entro 80 km/h) a 8500 euro, mentre chi non desidera compromessi opterà senz’altro per la GT-Line, a 15.000 euro.

Altri video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - Devo dire che, leggendo le specifiche di questa city car, ho trovato molto valido il lavoro fatto sulla terza generazione della Kia Picanto: il design aggressivo è sempre un piacere a vedersi, e sapere che - a 8.500 euro - si può disporre della frenata di emergenza, è qualcosa che consola, specie nei contesti della mobilità urbana, ove lo stop&go è di routine (purtroppo). Poi, ovviamente, è questione di gusti: a seconda di ciò che si desidera, in termini di comodità, e tecnologie, il prezzo sale, ma - di certo - evita ulteriori spese, per i successivi adeguamenti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!