Iscriviti
scrivi

Google potrebbe ricorrere a Ford per realizzare la prima Google Car

Dagli States trapelano indiscrezioni, grazie ad Automotive News, sulla Google Car che potrebbe vedere la luce nel 2020. Stando alla rivista statunitense, Google avrebbe già preso accordi con la Ford per realizzare il primo prototipo reale di smart auto.

Auto
Pubblicato il 22 dicembre 2015, alle ore 19:02

Mi piace
2
Preferiti
0
Google potrebbe ricorrere a Ford per realizzare la prima Google Car
Pubblicità
Interessi da seguire

Come noto, Google – da qualche mese – sta testando le sue auto a guida autonoma nei pressi del quartier generale, a Mountain View, e nelle strade di Austin. Gli esperimenti, secondo lo staff di Brin e Paige, stanno andando piuttosto bene con zero incidenti totalizzati, anche se le auto – va detto – vanno troppo piano (tentate multe per lentezza). A quando pare, però, Google vorrebbe premere l’acceleratore per varare la sua smart car entro il 2020 e, per Automotive News, potrebbe aver già stretto un accordo, in tal proposito, con Ford per costruire la prima vera Google car.

Nello specifico il portale tematico Automotive News riporterebbe un’indiscrezione attribuibile, in forma anonima, ad una persona che ben conoscerebbe il progetto delle Google Car. Google, dal canto suo, non ha rilasciato alcuna dichiarazione in merito ma è noto che, a inizio 2015, sono iniziati i dialoghi con potenziali partner, tradizionali e non, e che – da partire dal Giugno 2015, sono cominciati i test su strada dei primi concept googleiani. Anche Ford, in verità, non è entrata nel merito della questione limitandosi a sostenere che Ford ha in piedi partnership con diverse società mondiali attive nella ricerca e nello sviluppo tecnologico.

La verità dunque? Probabilmente l’auto Google-Ford si farà e l’indiscrezione di Automotive News troverà terreno fertile. A confermarlo sono diversi indizi: Mountain View, negli ultimi tempi, ha assunto due ex manager di Ford (in particolare John Krafcik che, per Ford, si era occupato dello sviluppo del Suv Expedition) e i pezzi della prima concept car di Google erano stati montati dalla Roush Industries che si occupa di componentistica proprio per la casa di Detroit.

Rimane il mistero di capire come verrà strutturata la partnership (comunque non esclusiva) e come potrebbe esser prodotta la Google Car (un modello ad hoc, o una Ford auto con sensori Google?). Una cosa è certa: il CES di Las Vegas si avvicina (6 Gennaio) e potrebbe essere l’occasione giusta per saperne di più. Tanto più che il giorno prima dovrebbe esservi una conferenza stampa proprio della Ford…

La Google Car viaggia spedita verso la sua realizzazione pratica, e potrebbe presto diventare realtà grazie al supporto tecnico della Ford Motors. 

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Fabrizio Ferrara - In effetti, come molti lettori hanno avuto modo di osservare in giro per la rete. La Google Car di oggi è davvero brutta. Sembra un gigantesco muffin: vero è che non dovremo guidarla ma solo far da passeggeri ma...insomma...almeno il gusto di possedere una bella auto dovrebbe rimanerci. A tal proposito è naturale che ci si sia rivolti a delle aziende automobilistiche che, pur lavorando nel loro ramo, si sono già fatte notare per delle soluzioni di guida smart: la Ford ha introdotto la frenata automatica ed ha smartizzato le funzioni di sterzo, freno e frizione. E molte di queste tecnologie made in Detroit verranno implementate sulle nuove Ford a brevissimo tempo. Forse è anche tenendo conto di questo che Google ha preso in considerazione Ford che, dal canto suo, potrebbe disporre dei dati raccolti da Google per meglio sapere cosa vogliono i clienti in fatto di auto-mazione... Insomma, un accordo che potrebbe far felici tutti. Anche gli amanti dell'estetica automobilistica...

Lascia un tuo commento
Commenti
Giuseppe Sorrentino

24 dicembre 2015 - 19:50:59

L'importante è iniziare.

0
Rispondi
Evelin Felice

23 dicembre 2015 - 10:05:15

Quella attuale non è propriamente bella, se la migliorassero in questo modo, sarebbe meglio

0
Rispondi