Iscriviti
scrivi

Il sorriso della Gioconda non è più un mistero

Uno studio condotto dalla ricercatrice italiana Emanuela Liaci, nell'università tedesca di Friburgo, risolve l'enigma dell'espressione ambigua ed enigmatica della Monna Lisa: è contenta!

Arte
Pubblicato il 15 marzo 2017, alle ore 10:12

Mi piace
14
Preferiti
0
Il sorriso della Gioconda non è più un mistero
Pubblicità

Per secoli si è detto e pensato che l’espressione della Monna Lisa fosse ambigua ed enigmatica, ma non è così, la Gioconda è contenta. L’opera di Leonardo Da Vinci vuole proprio esprimere felicità.

Questo è quello che, nel guardarla, interpreta il nostro cervello da sempre, lo dimostra un esperimento della ricercatrice italiana Emanuela Liaci, condotto nell’università tedesca di Friburgo. I risultati si possono leggere nella rivista Scientific Reports, dove si sottolinea che la percezione delle emozioni non è assoluta e uguale per tutti, ma può essere influenzata dal contesto in cui la persona che l’ammira si trova.

Jurgen Kornmeier, coordinatore del gruppo di ricerca ha affermato: “Siamo stati molto sorpresi dallo scoprire che la Monna Lisa viene sempre vista come felice: questo mette in discussione l’opinione comune tra gli storici dell’Arte”.

Per capire il sorriso della Gioconda, i ricercatori hanno allestito una galleria di 9 quadri che rappresentavano tutti la stessa opera, ma ritoccata negli angoli della bocca per dare un’espressione più o meno felice alla Monna Lisa. Un gruppo di volontari ha osservato il dipinto originale di Leonardo e le altre otto versioni. L’originale del quadro e le versioni con l’espressione più sorridente sono state percepite ‘felici’ quasi nel 100% dei volontari; inoltre, il riconoscimento è avvenuto con immediatezza e più sicurezza rispetto alle quattro espressioni più tristi. “Il nostro cervello è più portato a riconoscere le espressioni facciali più felici, positive” ha commentato Emanuela Liaci.

Presentata ai volontari la Gioconda originale insieme a sette versioni più malinconiche, il risultato è stato diverso anche per l’originale. Il contesto negativo in cui era inserita la Gioconda, ha fatto percepire tutte le immagini più tristi.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Marilena Carraro - E così tutto il resto! Mentre leggevo, pensavo a tante altre occasioni in cui la percezione della felicità è legata non solo alla nostra situazione personale, ma al contesto. Giorni di nebbia e pioggia, un clima familiare, sociale, scolastico teso e chissà quante altre situazioni ci inducono alla tristezza. Tutti possiamo collaborare alla gioia comune. Che ne pensate?

Lascia un tuo commento
Commenti
Giuseppe Chimenti

15 marzo 2017 - 10:16:59

Mi chiedo chi abbia finanziato questo studio... Se avessero chiesto un mio parere gli avrei detto gratis che era contenta... :p

0
Rispondi